English Translation Norsk Oversettelse Svensk Översättning Suomenkielinen Käännös Português Tradução Traducción en Español Traduction Française Nederlandse Vertaling Deutsch Übersetzung Dansk Oversættelse Český Překlad Slovenské Preklady Polskie Tłumaczenie Lietuvių Vertimas Latviešu Translation Український Переклад Русский Перевод Slovenski Prevod Hrvatski Prijevod Српски Превод Română Traducere Български Превод Ελληνική Μετάφραση תרגום לעברית تترجم إلى العربية हिंदी में अनुवाद 에서 번역 한국어 Dịch tiếng Việt, Terjemahan di Indonesia Isinalin sa Tagalog 翻译成中国 日本語の翻訳
Logo Google
Powered By Blogger Licenza Creative Commons  
Logo Wikipedia

I taroccamenti d’o professore

RA647M6S9G42
Ci risiamo, un altro taroccamento in perfetto stile degli Auto Proclamatisi Guru della Sacra Setta delle Scie Chimiche, cioè prendere qualcosa scritto da altri e stravolgerne il senso a forza di omissioni, aggiunte arbitrarie e manipolazioni delle frasi citate.

Questa volta è toccato alla pagina del sito della Lenntech dedicata all’alluminio, questa, riportata qui da Zret, alias Antonio Marcianò (pagina congelata a futura memoria qui).
Leggendo il post su TankerEnemy ne emerge un ritratto inquietante dell’alluminio, descritto come elemento assai pericoloso: il bello è che la stessa identica pagina l’avevo inserita io come fonte nel mio post sugli elementi e le analisi chimiche, per sottolineare proprio l’opposto e cioè come l’alluminio sia, oltre che comunissimo nel terreno (e quindi nella polvere), praticamente innocuo (a meno che, ma questo vale per tutto, acqua compresa, non sia assorbito in quantità molto, ma molto, elevate).

Detta così, sembrerebbe che o io oppure ’o professore Antonio abbiamo interpretato male la pagina del sito della Lenntech in questione: la realtà è che sia io che lui abbiamo capito benissimo il contenuto di quella pagina, che è quello esposto da me, ma lui, con l’estrema “onestà intellettuale” che da sempre lo contraddistingue, ha scelto di riportarela censurando le frasi che non si attagliano alla sua tragi-comica fissazione maniacale riguardo le “scie chimiche”, e aggiungendone altre inventare di sana pianta su fantomatiche “dispersioni in atmosfera”, nel palese tentativo di capovolgere il senso dello scritto originale.

Ma vediamo nel dettaglio: nelle citazioni metterò in corsivo la frase originale dal sito della Lenntech seguita dalla manipolazione effettuata nel post scritto da Antonio Marcianò (eventuali grassetti sono i miei, per evidenziare le suddette mistificazioni, eventuali errori di ortografia sono presenti nelle frasi originali che mi sono limitato a copincollare).


Proprietà
Che l’alluminio non è tossico, viene detto praticamente subito, ma ’o professore ci mette una pezza, togliendo due paroline a lui tanto antipatiche:

L'alluminio è (come gli altri metalli) non magnetico non tossico e non-infiammabile.

L'alluminio non è magnetico e non è infiammabile a temperature ordinarie, pur essendo estremamente avido di ossigeno.


Poi, i «milioni di prodotti differenti», che fa ben capire come l’alluminio sia presente praticamente ovunque nelle attività umane, diventa «manufatti più svariati», come dire molta roba ma non poi così tanta:

L'alluminio è usato in molte industrie per realizzare milioni di prodotti differenti ed è molto importante per l'economia mondiale.

L'alluminio è, infatti, usato in molte industrie per realizzare i manufatti più svariati e riveste quindi una grossa importanza nell'economia mondiale.


La frase in cui si dice che l’alluminio contribuisce alle proprietà del terreno in generale viene trasformata in modo da far credere che si parli di una sua diffusione solo in certi tipi di terreno: in realtà l’alluminio è diffusissimo ovunque nel suolo, anche se ci saranno ovviamente luoghi in cui tale elemento è presente in concentrazioni più o meno elevate.

L'alluminio contribuisce notevolmente alle proprietà di terreno, dove è presente pricipalmente come idrossido di alluminio insolubile.

Sotto forma di idrossido non solubile, caratterizza fortemente i terreni che lo contengono.


Effetti sulla salute
Di nuovo, la pagina sottolinea come l’alluminio sia da ritenersi fondamentalmente innocuo, se non a concentrazioni molto elevate (discorso che vale, ripeto, per tutto ciò che esiste in natura), nonché uno dei componenti principali della crosta terrestre e uno dei metalli più usati in assoluto. Indovinate che fine hanno fatto, dopo essere passate per le mani ’o professore, le frasi che contenevano queste informazioni:

L'alluminio è uno dei metalli più ampiamente usati ed anche uno dei composti più frequentemente presenti nella crosta terrestre. A causa di cio', l'alluminio è comunemente noto come composto innoquo. Tuttavia, quando qualcuno viene esposto ad elevate concentrazioni, cio' può causare problemi di salute.

L'esposizione ad elevate concentrazioni può causare problemi di salute.


E già che ci siete, indovinate quali malattie ’o professore ha ritenuto di aggiungere alla lista dei disturbi che dosi elevate di alluminio possono provocare.

Un'assunzione continuata di concentrazioni significative di alluminio puo' provocare seri effetti sulla salute, come:
- danneggiamento del sistema nervoso centrale
- demenza
- perdita della memoria
- indebolimento
- severo tremore



Un'assunzione continuata di concentrazioni significative di alluminio può provocare seri effetti sulla salute, come i seguenti:
- danneggiamento del sistema nervoso centrale
- demenza
- perdita della memoria
- indebolimento generale e stanchezza cronica (astenia)
- forte tremore
- malattia di Alzheimer
- morbo di Parkinson

Forse Zret si aspetta un ringraziamento per aver avuto almeno il pudore di non ficcarci anche il Morbo di Morgellons...
Da notare che non solo alla Lenntech non si sono mai sognati di attribuire per certo Alzheimer e Parkinson ad alte dosi di alluminio, ma che tali correlazioni certe tra alluminio e Alzheimer oppure tra alluminio e Parkinson non sono presenti neppure in nessun sito o pubblicazione seria (ripeto, parlo di siti e pubblicazioni serie, non dei siti spazzatura di sciachimisti, complottisti e sostenitori di “medicine alternative” che tanto assomigliano, in quanto a metodi, alla stregoneria).

Riguardo l’Alzheimer sono stati fatti studi in proposito, ma in ben trent’anni di ricerche, ancora non si sono trovate prove certe (fonte):

I ricercatori hanno studiato i possibili effetti dell'alluminio sulla malattia di Alzheimer per oltre trent'anni. Tuttavia, sebbene la ricerca continui, non esistono prove definitive che esista un nesso causale tra l'alluminio e la malattia di Alzheimer.

Riguardo il Parkinson, poi, neanche si è mai ipotizzata una tale correlazione. Anzi, l’alluminio viene addirittura utilizzato nello strato di rinforzo per un cerotto transdermico a base di rotigotina sperimentato per il trattamento del Parkinson allo stadio iniziale (fonte).


Effetti ambientali
Gran finale: eliminazione di un intero paragrafo e sua sostituzione con uno dei deliri sciachimisti più quotati dai Marcianò Bros:

Gli effetti di alluminio sono stati portati alla nostra attenzione, soprattutto a causa di problemi d'acidificazione. L'alluminio può accumularsi in piante e causare problemi di salute per gli animali che consumano tali piante.
Le concentrazioni di alluminio sembrano essere più alte nei laghi acidificati. In questi laghi il numero di pesci e di anfibi sta diminuendo a causa delle reazioni degli ioni alluminio con le proteine nelle branchie dei pesci e negli embrioni delle rane.


Disperso in atmosfera sotto forma di particolato viene usato per creare un plasma elettroconduttivo ad usi militari ed uno schermo ai raggi solari.

Non c’è bisogno che spieghi il perché della boiata aggiunta, spero.
Interessante invece il motivo per cui il paragrafo che ho riportato sia stato censurato: perché in esso viene ben spiegato che ci si sta riferendo non a tutto l’ecosistema terrestre ma solo ad un particolarissimo tipo di ambiente, cioè i laghi acidificati. Quindi, quando subito dopo viene scritto (frase mantenuta da Antonio Marcianò nel suo taroccamento):

Alte concentrazioni di alluminio causano non soltanto effetti sui pesci, ma anche su uccelli e su altri animali che mangiano i pesci e gli insetti contaminati e sugli animali che respirano alluminio attraverso l'aria. Le conseguenze sugli uccelli che mangiano i pesci contaminati consistono nell'assottigliamento dei gusci delle uova nella nascita di pulcini sotto peso. Le conseguenze sugli animali che respirano alluminio attraverso ll'aria possono essere problemi ai polmoni, perdita di peso e diminuzione dell'attività.

è altrettanto chiaro che si parla solo di quel particolare ambiente.
Eliminando le frasi precedenti e mantenendo queste ultime, ’o professore vuole far intendere che simili effetti deleteri non avvengano solo in un ben determinato e circoscritto tipo di ecosistema, ma su tutto il globo terracqueo, senza eccezioni.

Non ci credete? Pensate io sia troppo sottile e troppo prevenuto nei confronti di Zret e che tenda a vedere il marcio anche dove non c’è?
Non è così e la conferma che le cose stanno come sostengo viene dall’esame di come è stata deformata e troncata la frase subito successiva:

Alte concentrazioni di alluminio possono essere presenti non soltanto in laghi acidificati e nell'aria, ma anche nell'acqua freatica di terreni acidificati.

Alte concentrazioni di alluminio possono essere presenti non soltanto inegli ecosistemi e nell'aria soprattutto a seguito di intense irrorazioni aeree, ma anche nell'acqua freatica.

Notate come cancellando le parole «in laghi acidificati» per sostituirle con «negli ecosistemi» a ’o professore, sia sfuggita la «i» iniziale così che risulta scritto «inegli ecosistemi».


Dopo tutto questo, voglio proprio vedere chi ha ancora la faccia tosta di affermare che quelli che ho evidenziato sono sbagli fatti in buona fede e non intenzionali omissioni e storture fatte in mala, anzi pessima, fede.

Intendiamoci: io non ho molto tempo da dedicare a scrivere post nel mio blog, quindi non pensiate che gli unici esempi di ciò che ho descritto sono quelli che trovate qui.
Quando si parla di citare una fonte seria, da parte dei Marcianò Bros in particolare o degli sciachimisti in generale, il lavoro di taglia—cuci—aggiungi—deforma—inganna che ho illustrato è la regola, non l’eccezione.
Infatti, se ci fate caso, nei post dei due fratelloni imbroglioni (ma anche in quelli degli altri siti sciachimisti), sono sempre e solo linkati altri loro post o pagine di altri siti sciachimisti e praticamente mai la fonte originale.
Perché? Evidentemente per impedirne, o per lo meno renderne il più difficoltoso possibile, il reperimento e quindi il confronto con quanto scritto da loro: confronto dal quale emergerebbero tutte le censure, forzature e distorsioni attuate, nonché le balle inserite a forza e non presenti nell’originale.
Una dimostrazione di ciò si trova anche nel post che ho appena esaminato, dove ’o professore Antonio Marcianò indica come fonte il sito della Lenntech, ma si guarda bene dal linkare la pagina precisa che è stata presa come riferimento e poi bellamente stuprata: è già grasso che cola, rispetto alle sue abitudini, che metta un link alla pagina principale del sito della Lenntech.

Tra l’altro, per chi non l’avesse ancora capito, questo comportamento spiega perché, spesso e volentieri, i fratelli Marcianò vengano criticati per la loro preparazione e i loro comportamenti.
Infatti se è vero che la regola generalmente valida è che si deve discutere sul messaggio e non sul messaggero, è anche vero che una notevole eccezione si deve avere quando messaggio e messaggero coincidono: la scelta di ciò non dipende dai critici, ma dal messaggero stesso che sceglie di fare tale identificazione, e che quindi si deve assumere la responsabilità delle conseguenze.

In altre parole, se Tizio afferma che una cosa è così perché lo dice lui, fa coincidere messaggio e messaggero: chiunque voglia andare a verificare le credenziali e l’affidabilità della fonte è obbligato da Tizio ad andare a verificare le credenziali e l’affidabilità di Tizio stesso.

Dato che i Marcianò Bros usano prevalentemente se stessi come fonte primaria, nessuna meraviglia se si va a verificare quanto siano persone serie e preparate: la scelta è loro, loro la responsabilità di questo. E se andando a verificare si scopre che non solo la loro preparazione nei campi in cui pretendono di discettare è nulla ma anche che imbrogliano a tutto spiano, la colpa rimane loro e delle loro scelte: dopo tutto se Tizio ruba è lui che si sputtana come ladro, rubando, e certo non lo denigrano quelli che scoprono e mettono in luce i suoi furti.


Commenti:
Giuliano ha commentato:
Un appunto:

"Di nuovo, la pagina sottolinea come l’alluminio sia da ritenersi fondamentalmente innocuo, se non a concentrazioni molto elevate (discorso che vale, ripeto, per tutto ciò che esiste in natura)"

in effetti è ineccepibile, solo che a seconda dell'elemento o del composto la frase "concentrazioni molto elevate" varia. Voglio dire, devo bere 15 litri d'acqua in poco tempo per sentirmi male e rischiare la vita, d'altro canto mi bastano pochi mg di cianuro per rimanerci. Insomma vale la frase "non esistono sostanze tossiche, solo dosi tossiche", ma le dosi variano parecchio :-)
_______
22 maggio 2009 08:23  
AndreaS ha commentato:
"Forse Zret si aspetta un ringraziamento per aver avuto almeno il pudore di non ficcarci anche il Morbo di Morgellons..."

Oppure per non avere ripetuto lo strafalcione del fratello sulla "sclerosi multipla laterale amiotrofica"...

Come sempre ottimo post axlman.

AndreaS
_______
22 maggio 2009 09:23  
Michele D.A. ha commentato:
Che esseri spregevoli,mi fanno davvero pena.Sono convinto che nei loro muri campeggiano i poster di Wanna Marchi e mamma Ebe,gli unici modelli di vita ai quali aspirano.Vergognatevi!
_______
22 maggio 2009 12:10  
Cribbio ha commentato:
Straker perde il pelo ma non il vizio. Lui è in assoluta malafede, ma possibile che nessuno dei suoi adepti si accorga dei suoi tarocchi?
_______
22 maggio 2009 12:33  
alexandro ha commentato:
E poi Zret e soci hanno la faccia di tolla di dare del disinformatore a chi rivela i loro giochi di prestigio.
_______
22 maggio 2009 12:40  
axlman ha commentato:
@ Giuliano

Ha perfettamente ragione, ma è un discorso che ho già fatto nell’altro post, che ho linkato all’inizio di questo.
Capisci che non possono ripetere la rava e la fava dall’inizio e in ogni sua sfaccettatura tutte le sante volte che parlo dello stesso argomento, altrimenti ogni volta dovrei scrivere delle mezze enciclopedie invece che dei post.

Poi, d’accordo che mi leggono anche gli sciachimisti ed è per quello che mi sforzo di essere il più semplice e completo possibile (per spiegare bene tutto dall’inizio e per non dare adito ad equivoci e fraintendimenti), ma insomma, a tutto c’è un limite, e spero sempre di rivolgermi a persone non proprio del tutto andate.
_______
22 maggio 2009 16:12  
axlman ha commentato:
Cribbio ha scritto:
Lui è in assoluta malafede, ma possibile che nessuno dei suoi adepti si accorga dei suoi tarocchi?

Ti sei risposto da solo: si comportano come adepti di una setta, cioè gente che, per definizione, ha scelto di delegare al proprio guru di turno l'ingrato compito di pensare.
Pensa lui al posto loro e loro credono ciecamente a ciò che dice, senza nemmeno sognarsi di andare a verificarne l'esattezza, figuriamoci contestarla: altrimenti a che servirebbe scegliersi un guru?
_______
22 maggio 2009 18:48  
Nico ha commentato:
axlman.. qui hai da farci un bel po' di filmato
http://tinyurl.com/oqfm49
_______
23 maggio 2009 20:51  
Skeptic ha commentato:
Che individui...mi viene in mente Greggio al Drive in di tanti anni fa:"sono mister taroccò, con l'accento sulla Q" :)
_______
26 maggio 2009 17:00  
ZonWu ha commentato:
santo cielo. Non avrei altro da dire, o meglio, avrei ben altro da dire, ma non riesco a definire questi individui, come qualcuno li ha chiamati.
Forse presumono che una scia chimica inietti per via cutanea delle dosi di alluminio da costruirci un F-117?
D'altra parte, si tratta di Tanker Enemy, che potrebbe essere citato come fonte veritiera solo dal programma di Ruggeri...
_______
19 agosto 2009 23:59  
talligalli ha commentato:
da notare come la frescaccia dell'allumino tossico in relazione con malattie sia riportato anche nella "neutralissima" wikipedia italia
andrebbe segnalato a quelli di perle complottiste
ciao
http://it.wikipedia.org/wiki/Alluminio
_______
27 novembre 2009 22:59  
Kjai ha commentato:
Questo commento è stato tolto dal proprio autore.
_______
8 gennaio 2010 02:24  
Kjai ha commentato:
scusate, ho cancellato il commento precedente nel dubbio che ci fosse scritta una cavolata... controllo e poi lo riposto... ^^'''
_______
8 gennaio 2010 08:55  
Nico ha commentato:
Riprendo in mano questo tuo articolo con una considerazione. All'epoca i fratelli non sapevano che il padre invece del Parkinson aveva un tumore. Quindi cercavano di concatenare la causa della malattia con le scie chimiche.
Vuoi vedere che stavano già scrivendo il libretto?

I link freezepage però non funzionano più-
_______
19 agosto 2011 17:20  
cooksappe ha commentato:
questa non la sapevo
_______
8 dicembre 2013 15:15  
Invia un commento

I commenti di critica costruttiva sono ben accetti, quelli di puro insulto e/o contenenti volgarità gratuite finiranno dove meritano, cioè nella spazzatura.
Chiunque avesse delle lamentele oppure suggerimenti riguardo il funzionamento del blog è pregato di segnalarmeli nell'apposito post.