English Translation Norsk Oversettelse Svensk Översättning Suomenkielinen Käännös Português Tradução Traducción en Español Traduction Française Nederlandse Vertaling Deutsch Übersetzung Dansk Oversættelse Český Překlad Slovenské Preklady Polskie Tłumaczenie Lietuvių Vertimas Latviešu Translation Український Переклад Русский Перевод Slovenski Prevod Hrvatski Prijevod Српски Превод Română Traducere Български Превод Ελληνική Μετάφραση תרגום לעברית تترجم إلى العربية हिंदी में अनुवाद 에서 번역 한국어 Dịch tiếng Việt, Terjemahan di Indonesia Isinalin sa Tagalog 翻译成中国 日本語の翻訳
Logo Google
Powered By Blogger Licenza Creative Commons  
Logo Wikipedia

I taroccamenti dei Marcianò Bros


Uno dei cavalli di battaglia degli Auto Proclamatisi Sommi Guru della Sacra Setta delle Scie Chimiche, Straker e Zret, che tirano fuori ad ogni piè sospinto (come ad esempio qui, qui, qui e qui), è un servizio della rete tedesca RTL dove un meteorologo, Karsten Brandt, sembrerebbe parlare di “scie chimiche”:





Accidenti, se ne parla un meteorologo, qualcosa di vero dovrà pur esserci in questa faccenda delle “scie chimiche”…

…oppure no?

La risposta, prevedibilmente, è: no, non c’è niente di vero.

E il perché è presto detto: Brandt non parla affatto di “scie chimiche”, non le nomina nemmeno, che il servizio tratti di “scie chimiche” è una menzogna bella e buona inventata da Rosario Marcianò, coadiuvato dal fratello Antonio.
Infatti alla fine del video, sottotitolato e messo in rete da Straker con l’altro suo pseudonimo nicscics, viene evidenziato che la traduzione è di un certo ALEXY.

Vediamo quindi qual è la traduzione originariamente fornita da ALEXY, prima che i Marcianò ci mettessero le mani: la traduzione originale si trova qui, proprio sul forum di sciechimiche.org.

Mini-aggiornamento
Com'è abitudine inveterata delle persone poco inclini al confronto onesto, anche questa volta i sostenitori della teoria delle “scie chimiche” si sono premurati di nascondere ben bene le tracce delle loro malefatte, e ora il link che ho fornito al loro sito non funziona più, se non per gli utenti registrati. Conoscendo i loro sistemi abituali però mi sono premurato di congelare la pagina in questione (qui), nonché di fare uno screen-shot del post incriminato.
Eccolo (cliccare su di esso per ingrandirlo):



Notate niente di diverso tra la traduzione di ALEXY e i sottotitoli inseriti da Straker?

Per i più distratti, ecco un sunto, che mette in luce distorsioni e manipolazioni, a partire da quelle introdotte dall’autore del servizio per arrivare a quelle del traduttore, sino a quelle definitivamente fuorvianti d’o comandante e d’o professore.

Il meteorologo Karsten Brandt, come spiegato, non fa il minimo accenno a presunte “scie chimiche” ma fa riferimento al Düppel, affermando di averne misurate (misurazioni che peraltro non fornisce) quantità elevate, superiori a quelle dichiarate, sparse dall’aviazione tedesca durante un’esercitazione svoltasi ai confini tra Germania e Olanda.
E già qui inizia il valzer delle forzature, nel caso specifico da parte dell’autore del servizio: la preoccupazione di Brandt (e quella di Johannes Remmel, il rappresentante del Verdi tedeschi intervistato poco dopo) riguarda il possibile inquinamento ambientale dovuto a un uso eccessivo di Düppel, ed entrambi non fanno cenno a modificazioni climatiche, concetto che viene inserito a forza appunto dall’autore del servizio nei commenti della voce narrante e nelle scritte in sovraimpressione, con evidenti intenti di spettacolarizzazione.


Ma cos’è questo “inquietante” Düppel (o chaff in inglese) di cui stiamo parlando? Ce lo spiega proprio ALEXY nel suo intervento su sciechimiche.org che ho mostrato:

la parola Düppel (Dueppel) che non avevo mai sentito in quanto termine tecnico militare, indica un sistema di disturbo per radar, fatto di finissime strisce di carta stagnola o di fini polveri di carbonio rilasciate nell´atmosfera, atte a riflettere il segnale radar e creare una falsa eco. Era una strategia gia´ ideata nella 2° guerra mondiale e nella guerra fredda e non si sa sia stata utilizzata o meno.

Quindi niente di misterioso o super-segreto (è tecnica ben nota e sviluppata sessant’anni fa), viene usato solo molto occasionalmente e in zone limitate per delle esercitazioni (non certo sparso ogni giorno da flotte di aerei militari e/o civili che solcano i cieli di mezzo mondo come sostengono i fissati delle “scie chimiche”) e non può nel modo più assoluto modificare il clima o il tempo atmosferico.

Subito dopo ancora ALEXY scrive (e qui si inserisce la manipolazione del traduttore):

Per comodita´ Düppel la si puo´ tradurre come scia

In effetti è molto comodo per poter ingannare chi visiona il video, dato che il Düppel non viene rilasciato sotto forma di scia ma viene sparato dagli aerei in modo da formare una sorta di nuvola che funga da falso bersaglio e che serve appunto a nascondere l'aereo impedendone l'individuazione: sarebbe alquanto stupido spargerlo come scia che segue l'aeroplano, ché in questo modo sarebbe un aiuto per i radar nemici invece che un impedimento, in quanto basterebbe loro seguire la scia per individuare con sicurezza il velivolo da abbattere.

Inoltre, dopo essere stato rilasciato, il Düppel è ben visibile dai radar (e ci mancherebbe, dato che serve a confonderli e accecarli), ma completamente invisibile a occhio nudo, tanto che il fenomeno in questione venne ribattezzato come il «Mistero delle nubi fantasma» (vedere l’Aggiornamento in fondo a questo post).

Come se non bastasse questo primo ed evidente travisamento del traduttore, Straker e Zret iniziano a fare le loro, di manipolazioni, e ben più pesanti, tipo (riporto solo le principali ed eclatanti):
  • traduzione di ALEXY (parla Brandt): scie [in realtà Düppel], contenenti polveri finissime a base di plastica ricoperte di metallo
    manipolazione dei Marcianò Bros nei sottotitoli (-1:35): scie chimiche contenenti polveri finissime a base di polimeri e di metalli

  • traduzione di ALEXY (scritta in sovrimpressione nell’originale): Le registrazioni (=registri militari) riportano emissioni limitate di scie [in realtà Düppel]
    manipolazione dei Marcianò Bros nei sottotitoli (-1:25): Le registrazioni riportano emissioni di scie chimiche a quote basse

  • traduzione di ALEXY (voce narrante): Negli Stati Uniti si protesta da parecchio tempo per queste tecniche militari
    manipolazione dei Marcianò Bros nei sottotitoli (-1:16): Negli Stati Uniti si susseguono proteste da molti anni, contro queste operazioni militari
Per finire alla grande, ’o comandante e ’o professore, non contenti del castello di menzogne che hanno edificato ad uso e consumo dei gonzi nostrani, hanno voluto rendere internazionale la loro fama di contaballe, traducendo in inglese la loro opera di disinformazione e propaganda mendace, di cui vanno tanto fieri (o meglio facendo tradurre, che il grande esperto d’o compiutér Rosario Marcianò l’inglese non lo mastica quasi per niente e come faccia, con questa enorme lacuna, a combinare qualcosa di professionale in campo informatico è un mistero ancora irrisolto). Naturalmente su sciechimiche.org gli adepti della Sacra Setta delle Scie Chimiche, ben lungi dal far notare a Straker e Zret le notevoli e fondamentali discrepanze tra la traduzione e le scritte in sovrimpressione, che stravolgono completamente il senso del filmato, li hanno elogiati e applauditi: ottusità galoppante, cecità selettiva inconscia tipica dei fanatici o complicità col disonesto comportamento dei loro Auto Proclamatosi Guru?


Aggiornamento


Ho recuperato qualche link che ricostruisce la vicenda, compresa l'interrogazione fatta dai Verdi tedeschi in merito alle cosiddette nubi fantasma, cosiddette proprio perché, come avevo accennato, venivano rilevate dagli impulsi radar ma non nel visibile, cioè erano completamente invisibili sia ad occhio nudo che nelle foto satellitari: trovate l’interrogazione, completa di risposta, qui in lingua originale, mentre la traduzione in italiano si trova qui.[1] Detta molto semplicemente, l’ipotesi dello chaff è stata subito avanzata da Brandt, ma quello che non lo convinceva era il fatto che queste nubi sembravano esageratamente enormi e quindi pensava che per crearle si fossero dovute utilizzare tonnellate e tonnellate di materiale, con l’impiego di centinaia di aerei: comprensibile quindi la preoccupazione del meteorologo e dei Verdi per un possibile, massiccio, inquinamento ambientale. Nella risposta all’interrogazione, il Ministero della Difesa ammise tranquillamente l’uso di Düppel durante un’esercitazione svoltasi poco prima dell’apparizione della “nuvola fantasma”, ma non in quantità così spropositate da occupare una così vasta area, da qui il sospetto di operazioni clandestine, sempre da parte di Brandt e dei Verdi:

Dopo una indagine sulle rilevazioni radar della Luftwaffe, venne stabilito che, alla fine di marzo 2006, nella notte tra il 22 e il 23 marzo 2006, circa un’ora prima della manifestazione del fenomeno fu lanciata un’esercitazione di battaglia aerea nello spazio aereo della Bassa Sassonia. Le rilevazioni attestano che in quell’occasione furono usate solo piccole quantità di materiale schermante Düppel, il quale si dissolse in circa un’ora e dieci minuti.

Le parole chiave per comprendere il tutto sono che le nubi fantasma sembravano enormi, tanto che anche nell’interrogazione si specifica «una nuvola della dimensione apparente di 400 chilometri». La spiegazione è, come spesso accade, più semplice di quanto possa apparire con un esame superficiale, ed è stata fornita in questo articolo su Spiegel OnLine[2] (traduzione in italiano qui) e si può riassume in due punti:
  • innanzi tutto lo chaff compie egregiamente il proprio dovere, cioè crea una forte eco nei radar, anche se in piccole quantità;
  • inoltre durante quella misurazione i radar vennero usati alla massima sensibilità.
Ogni pixel dell’immagine radar corrispondeva ad un’aerea di quattro per quattro chilometri e non è affatto detto che tale area fosse completamente intrisa di chaff, bastandone anche una piccola quantità per far “illuminare” tutta l’area: insomma la nuvola apparve molto più grande e massiccia rispetto alla realtà, ed è stato stimato che sarebbero bastati dai 2,7 ai 270 chilogrammi di chaff per ottenere quell’effetto, cioè tranquillamente il carico di un singolo aereo, senza tirare in ballo misteriose e complicatissime operazioni segrete in stile SPECTRE. Questa esperienza dovrebbe insegnare una cosa ben precisa agli sciachimisti, anche se ci spero poco vista la loro refrattarietà alla logica: le operazioni di cui vaneggiano sono semplicemente impensabili, tra le altre cose, anche per il semplice fatto che eventuali stranezze vengono immediatamente notate dai meteorologi, i quali, nel caso, non se ne stanno certo zitti. Idem dicasi per piloti e controllori di volo: se davvero esistessero migliaia e migliaia di velivoli non identificati che scorazzano per i cieli di mezzo mondo, verrebbero notati e denunciati in un tempo assai breve. Per concludere, giusto per non lasciare adito a dubbi sul fatto che Brandt non abbia mai voluto riferirsi alle cosiddette “scie chimiche”, e che anzi le consideri come un’ipotesi abbastanza risibile, leggiamo cosa scrive nelle sue FAQ sulle nubi fantasma (qui in lingua originale e qui la traduzione):

Si tratta di “scie chimiche”? In molti siti Internet si discute appassionatamente sul fatto che degli aerei possano spargere prodotti chimici e in questo modo, a scelta, possano agire sul buco dell’ozono oppure assicurare agli USA (a chi, se no?...) il dominio “meteorologico” sul mondo. Secondo questa teoria del complotto, ciò accadrebbe non saltuariamente su scala sperimentale, ma in modo regolare, su scala mondiale e soprattutto anche sulla Germania. I prodotti chimici dispersi lascerebbero nel cielo tracce bianco-grigie. Non si tratterebbe di di normali scie di condensazione, le “scie chimiche” avrebbero un aspetto diverso e si comporterebbero anche in modo diverso. Un aspetto interessante di questa teoria del complotto: chiunque può vedere le scie, chiunque può sentirsi minacciato, ma nessun cittadino (normale) le può prelevare o esaminare. In Internet vengono presentate fotografie di varie scie, che lasciano in cielo “insoliti” disegni. Per chi non è esperto nel campo, appare già strano a prima vista che le scie di condensazione restino in cielo per molte ore, mentre il giorno dopo scompaiono in pochi minuti. Tuttavia questi “fenomeni” sono facilmente spiegabili in termini di umidità atmosferica e correnti aeree. Naturalmente non possiamo nemmeno escludere con sicurezza che un aereo abbia disperso prodotti chimici nell’atmosfera. Ma lo stato di salute delle persone esclude che questo avvenga in modo regolare e nella misura sostenuta dai teorici del complotto: per un tale complotto mondiale dovrebbero essere impiegati non solo centinaia, migliaia di piloti statunitensi, ma anche scienziati, autorità tedesche, ecc. ecc. Qual è la probabilità che un così gran numero di persone resti nell’ombra? Appunto.


Aggiornamento bis


Ho appena scoperto un’altra conferma di quanto i fratelli Marcianò siano contafrottole volontari e campioni mondiali nella specialità «rigiramento della frittata acrobatico», cioè questo post, dove troviamo scritto (grassetti miei):

Gli scalcinati disinformatori, per tentare di confutare l’evidenza delle chemtrails, affermano che le scie osservate in varie occasioni sono chaff: è un’altra penosa bugia. Lo chaff è molto diverso da una scia tossica, rilasciata da aerei militari, ma anche da velivoli all’apparenza civili, da droni, da aerei modificati in modo da essere adatti all’irrorazione di veleni nella biosfera. Lo chaff è usato durante le esercitazioni militari e nei teatri di guerra e non in quasi tutti i cieli del pianeta e 365 giorni l’anno, a differenza delle scie venefiche.

Quindi, ricapitolando, Rosario e Antonio:
  • sanno benissimo che lo chaff è qualcosa che non assomiglia nemmeno lontanamente a quelle che loro descrivono come “scie chimiche” e che viene usato solo nelle esercitazioni e nei teatri di guerra, non certo in tutto il mondo, a tutte le ore e tutto l’anno, come avevo già spiegato io;
  • ciò nonostante hanno spacciato un servizio sullo chaff come servizio sulle presunte “scie chimiche”;
  • ciliegina sulla torta, hanno l’immane faccia tosta, loro, proprio loro che sono gli autori del taroccamento, di accusare gli altri di essere disinformatori che dicono «penose bugie», confondendo surrettiziamente le fantomatiche “scie chimiche” con lo chaff.
Ma in due che sono, uno specchio che sia uno, non riescono a procurarselo?


Aggiornamento ter


Finalmente, dopo SOLO due anni abbondanti, il duo di terrazzinari sanremese sembra aver quasi capito che i vari meteorologi tedeschi parlavano di chaff e non di scie chimiche. Dal blog dei due fratelloni imbroglioni infatti leggiamo (qui):

Come fu appurato in seguito, erano scie generate da aerei militari che avevano rilasciato enormi quantità di chaff (fibre di alluminio impiegate per confondere i radar), nell’ambito di un’esercitazione che sia la N.A.T.O. sia le Forze aeree tedesche negarono di aver mai compiuto, contro ogni evidenza.

Sottolineo il quasi per tre motivi.

Innanzi tutto perché l'esercito tedesco non ha negato proprio per nulla di aver compiuto esercitazioni con lo chaff, esercitazioni che come visto il Ministro della Difesa tedesco ha tranquillamente ammesso.

In seconda battuta non riescono proprio a ficcarsi in testa che lo chaff non ha alcuna possibilità di essere usato per manipolare il clima.

Terzo, ancora sfugge loro un particolare fondamentale: lo chaff e altamente riflettente per le onde radar, visto e considerato che è fatto apposta per tale scopo, cioè confondere i radar facendo apparire loro un'enorme nube che nasconde i veri bersagli, il tutto utilizzandone poche decine di chili al massimo e non certo tonnellate come sostiene il banfer-team sanremese. Ora la domanda sorge spontanea: quanti anni ci vorranno ancora prima che comprendano anche questi tre semplicissimi concetti? Fossi in voi non tratterrei il fiato nell'attesa...

  1. Tutte le traduzioni sono a cura di Camillo Franchini, che ringrazio per l’aiuto.
  2. Articolo segnalatomi da markogts nei commenti a questo post: grazie anche a lui, naturalmente


Commenti:
Hanmar ha commentato:
Ciao vecchio mio.
Vedi, la manipolazione comincia gia' con la frase «Per comodita´ Düppel la si puo´ tradurre come scia».
Ora sarebbe come chiamare per "comodita'" volante la ruota del timone.
Ok, e' circolare, ha i raggi, serve a dirigere qualcosa, ma credo che la differenza sia ben evidente a tutti.

I chaff (e le flare) sono comunemente usati in aviazione militare per evitare di esere abbattuti da missili rispettivamente a guida radar e termica.
Quasi ogni velivolo di una aeronautica militare ha a bordo dei dispenser, soprattutto quelli usati nei teatri di guerra.

Insomma, manipolare cosi' i fatti e l'italiano e' una cosa vergognosa, ma sappiamo che per il comandante la vergogna non esiste.

Saluti
Hanmar
_______
29 novembre 2007 10:20  
Emanuele ha commentato:
Ciao, ho trovato il link dal sito di Paolo Attivissimo.
Bell'articolo, anch'io non ho capito perché hanno tradotto chaff con scie, per me chaff è un termine abbastanza comune in aeronautica e non è di certo il mio campo (poi, vabbè, l'ho conosciuto con i videogiochi, specialmente "Gunship", per chi se lo ricorda).
_______
29 novembre 2007 10:43  
brain_use ha commentato:
@hanmar

Ora sarebbe come chiamare per "comodita'" volante la ruota del timone.

Peggio: almeno, come dici tu "e' circolare, ha i raggi, serve a dirigere qualcosa".

Ma tra il concetto di "chaff" e il concetto di "scia" non c'è alcun elemnto in comune.
_______
29 novembre 2007 18:22  
axlman ha commentato:
Innanzitutto un caloroso benvenuto ai miei primi ospiti: grazie della visita e se vi va tornate per seguire le mirabolanti avventure d'o comandante e d'o professore, magari segnalandomi qualcun'altra delle loro balle (anche se credo di conoscerle quasi tutte ormai).

Poi un paio di precisazioni.


Hanmar
Vedi, la manipolazione comincia gia' con la frase «Per comodita´ Düppel la si puo´ tradurre come scia».

A mio modo di vedere le manipolazioni iniziano ancora prima, quando l'autore del servizio tramite la voce narrante afferma che il Düppel serve per effettuare manipolazioni climatiche, cosa che né Brandt né Remmel nominano: parlano solo di inquinamento.
Ho aggiornato l'articolo per specificarlo.



Hanmar
Ora sarebbe come chiamare per "comodita'" volante la ruota del timone.
Ok, e' circolare, ha i raggi, serve a dirigere qualcosa, ma credo che la differenza sia ben evidente a tutti.


Qui dissento e appoggio brain_use: chaff e flare non somigliano per niente, né visivamente, né per diffusione, utilizzo o finalità con le favoleggiate scie chimiche, così come le dipingono i nostri amici guru della Sacra Setta.
_______
29 novembre 2007 21:54  
markogts ha commentato:
Altra cosa interessante, il giorno che erano state rilevate queste tracce radar, il cielo era sereno. Zero scie o tracce "nell'ottico", come descritto qui.
_______
29 novembre 2007 22:35  
axlman ha commentato:
Benvenuto anche a te markogts e mille grazie per il suggerimento, ché sono sempre benvenuti.
Ho aggiornato e altre aggiunte da parte tua o di chiunque, a questo o ad altri articoli, saranno naturalmente ben accette.
_______
29 novembre 2007 23:02  
Hanmar ha commentato:
Oooohhh.
Quello e' l'esempio che mi e' venuto in mente!
Con due neuroni, dei quali uno in ferie, cosa pretendete??? :P :P :P

Saluti
Hanmar
_______
30 novembre 2007 14:07  
gg ha commentato:
Che schifo che è l'italia.
E pensare che di questa gente il mondo è pieno!
Ma quand'è che li sbattono in gattabuia e buttano la chiave?
_______
26 gennaio 2009 22:55  
Mauro ha commentato:
Vi segnalo che il suddetto video (taraccato) con sottotitoli in inglese è ritornato in auge su Facebook, e me lo ritrovo tra gli stream di molti miei followers, italiani e non, ovviamente tutti quanti ci sono cascati aimè, credendolo un video "recente"! Ho cercato di fare un po' di informazione linkando le varie sbugiardate presenti su internet da anni oramai, ma nessuno di loro mi ha risposto con un ben augurante "oh cavolo, ci sono cascato come un pollo", ma anzi, c'è stato il silenzio assoluto.

Ora capisco perché il duo dinamico Marcianò insiste così tenacemente con la sua opera di disinformazione: il mondo è davvero pieno di gonzi e a quanto pare la disinformazione paga alla grande.
_______
14 agosto 2010 13:51  
Invia un commento

I commenti di critica costruttiva sono ben accetti, quelli di puro insulto e/o contenenti volgarità gratuite finiranno dove meritano, cioè nella spazzatura.
Chiunque avesse delle lamentele oppure suggerimenti riguardo il funzionamento del blog è pregato di segnalarmeli nell'apposito post.