English Translation Norsk Oversettelse Svensk Översättning Suomenkielinen Käännös Português Tradução Traducción en Español Traduction Française Nederlandse Vertaling Deutsch Übersetzung Dansk Oversættelse Český Překlad Slovenské Preklady Polskie Tłumaczenie Lietuvių Vertimas Latviešu Translation Український Переклад Русский Перевод Slovenski Prevod Hrvatski Prijevod Српски Превод Română Traducere Български Превод Ελληνική Μετάφραση תרגום לעברית تترجم إلى العربية हिंदी में अनुवाद 에서 번역 한국어 Dịch tiếng Việt, Terjemahan di Indonesia Isinalin sa Tagalog 翻译成中国 日本語の翻訳
Logo Google
Powered By Blogger Licenza Creative Commons  
Logo Wikipedia

Le rosicate d’o comandante


Un utente appena sbarcato su LuogoComune, sminatore, nella sezione dedicata alla «scie chimiche» posta, in data 09/02/08, una fotografia ritraente due presunte autocisterne della CPC, una ditta chimica, mentre sembra che stiano rifornendo un aereo di chissà cosa, il tutto ripreso da dietro una rete di protezione metallica (che fa molto «Zona Militare - Vietato l’ingresso»):


La foto è alquanto sospetta per una serie di fattori, innanzitutto logici:
  • il bocchettone che riforniscono è quello dei serbatoi e se venissero mischiate tonnellate di impurità al carburante, i motori, molto semplicemente, verrebbero distrutti;
  • c’è un trenino portabagagli e la piataforma di carico in posizione, ma riesce difficile capire perché dovrebbero riempire un tanker chimico con finti bagagli;
  • il presunto rifornimento chimico verrebbe fatto all’aperto sotto gli occhi di tutti, cosa che appare molto improbabile;

ma anche tecnici:
  • l’immagine sulla fiancata dell’autocisterna davanti non segue le linea di fuga giuste;
  • le proporzioni dei loghi (i quadrati blu con la scritta CPC) sono sballate, se si confrontano le due fiancate;
  • le immagini sulle due fiancate sono messe in posizioni diverse (nell’autocisterna davanti arriva quasi alla fine della fiancata, in quella dietro è molto più discostata);
  • esse non sono speculari come è di solito (il logo dovrebbe essere da entrambi i lati vicino alla cabina di guida oppure vicino al fondo della fiancata, non vicino alla cabina da un lato e vicino al fondo dall’altro);
  • ingrandendo sui particolari, si notano sbavature e sovrapposizioni nella colorazione della parte inferiore della cabina dell’autobotte davanti e sulle fiancate di entrambe.

Molte di queste considerazioni vengono esposte, su Luococomune, per primo e principalmente da Tuttle, che smaschera così l’inganno, mentre altri, invece di analizzare l’immagine, avevano preferito scapicollarsi a controllare cosa la CPC producesse. Per completare il quadro si scopre in una pagina della wikipedia in tedesco, la foto originale da cui è stato tratto il fotomontaggio, e dall’originale si evince che non solo le autobotti erano normalissime cisterne per il rifornimento-carburante della Shell «ridipinte» ad arte, ma anche che la rete di protezione ritratta in primissimo piano è stata aggiunta successivamente:


Un analogo percorso veniva fatto autonomamente sul forum di Focus, dove Tuttle ci ha raggiunto per informarci delle sue considerazioni e scoperte, dimostrando così una correttezza non comune.
Sottolineo che Tuttle è un esperto nel settore delle immagini digitali e del loro processamento (esperienza che ha dimostrato in svariate occasioni fuori e dentro Luogocomune), quindi riguardo alle caratteristiche delle immagini si esprime con cognizione di causa, ma soprattutto è una persona ampiamente disposta a credere all’idea della cospirazione globale, tutt’altro che etichettabile come contrario alle teorie di complotto.
Va anche aggiunto che però non è definibile come vero e proprio «complottista», in quanto il suo desiderio di credere nel complotto di turno, di solito non lo fa abboccare automaticamente ad ogni bufala che viene proposta, basta che sia utile alla causa, come invece succede spesso e volentieri ai «complottisti» duri e puri. Al contrario è molto critico verso chi cerca di dimostrare qualcosa usando prove manipolate, o verso chi scrive sciocchezze immani, rendendosi conto che un comportamento del genere porta discredito a tutti coloro che sostengono le «tesi alternative».

Orbene, cosa c’entrano Straker e Zret in tutto questo? C’entrano, c’entrano, perché i nostri eroi, loro, non possono neanche contemplare l’idea che in giro ci sia qualche sciachimista «semplice» che manipola e falsifica di propria iniziativa, senza che ’o comandante e ’o professore lo abbiano autorizzato: perbacco, i capi indiscussi del movimento si ritengono loro, i Marcianò Bros, quindi solo loro si possono permettere tarocchi e solo loro possono dare l’autorizzazione a farne.
È un sacrosanto diritto che si sono guadagnati sul campo in mesi e mesi di indefessa dedizione all’inventarsi balle e spammarle ovunque nel web (ricordo la manipolazione dell’articolo del Daily Mail o il taroccamento dei sottotitoli del video sul Düppel della RTL, tanto per citare due classici senza tempo, ma in questo blog se ne trovano a bizzeffe).
Ritenendo quindi inconcepibile un simile affronto da parte di un vero credente della Sacra Setta delle Scie Chimiche, ’o comandante si fionda a scrivere un “articolo” (qui e qui), dove sostiene che il tutto sarebbe una montatura dei soliti brutti cattivi, me compreso naturalmente, che ce l’hanno con lui solo perché si permettono l’impudenza di smascherare le balle che va propalando in giro, povera stella.

A sminatore, da cui è partito il tutto, viene dato il beneficio del dubbio (i cattivoni di cui sopra potrebbero aver fregato anche lui), ma Rosario se la prende con tutti quelli che hanno scoperto la bufala, compreso il povero Tuttle, colpevole solo di non essere stato gabbato da un fotomontaggio, e che, come illustrato, tutto può essere definito fuorché un «ufficialista» oppure un «debunker», accusandolo di essere un nick fasullo che nasconderebbe l’ennesimo «sporco diffamatore e disinformatore» al soldo dei soliti militari U.S.A. (o del NWO, o degli Illuminati, o del Papa, o del Papa Nero, o dei massoni, o degli ebrei, o degli alieni rettiliformi, o degli alieni grigi, insomma fate un po’ voi che gli sciachimisti non sanno decidersi).

Capito il succo del post? Chiunque si accorga di una fregnaccia pro scie chimiche, per ’o comandante è automaticamente un losco individuo che persegue ignobili scopi, chi invece quella fregnaccia ha diffuso, è invece molto probabilmente una brava persona che eroicamente si oppone ai malvagi e che in buona fede è caduta in un trappolone.
Logico, con tutte le balle che finora hanno sparato tra Straker e Zret, che altro ragionamento aspettarsi da loro, se non una simile autodifesa?

Sottolineiamo ancora una volta, se mai ce ne fosse bisogno, oltre all’immensa faccia tosta dei due Marcianò, quanto siano affidabili quando accusano la gente, a destra e a manca, di essere dei subdoli «disinformatori» al soldo dei malvagi mega-complottatori che, ancora non si è capito bene a quale scopo, vorrebbero farci schiattare a miliardi avvelenandoci dal cielo.

E sminatore, sei avvertito: d’ora in poi, stai al posto tuo, senza montarti la testa, e porta rispetto per gli autoproclamatisi guru della Sacra Setta delle Scie Chimiche. Soprattutto non ti azzardare mai più a proporre dei falsi, tuoi o di altri, sulla faccenda «scie chimiche» senza autorizzazione, che quella è una prerogativa che qui in Italia è riservata in esclusiva a ’o comandante e ’o professore, chiaro?
E chi ti credi di essere, vorrai mica pretendere che permettano al primo sminatore di passaggio di scippare loro il mestiere, no?


Commenti:
brain_use ha commentato:
Eccomi qua: pensavo avessi abbandonato il blogghetto...
Bel lavoro, come sempre.
La cosa più incredibile è che persino Tuttle è diventato un debunker, agli occhi di straker.

Quell'uomo ha bisogno una bella vacanza: ormai vede scie dappertutto e tutto quel che legge sono debunker prezzolati!
_______
20 febbraio 2008 08:55  
brain_use ha commentato:
Dimenticavo: Ben tornato!
_______
20 febbraio 2008 09:00  
axlman ha commentato:
Grazie mille.

Mi spiace ma tocca aver pazienza, di idee ne ho tante, di tempo molto meno e sono solo soletto.

Cercherò di essere più presente.
_______
20 febbraio 2008 15:49  
Hanmar ha commentato:
No, e' che sei PIGRO!!!
Quasi peggio di me :D
Se ti serve una mano sai dove trovarmi, Isola di Man, secondo scoglio a sinistra dopo il faro.

Saluti
Hanmar
_______
20 febbraio 2008 18:18  
alessandro ha commentato:
Ciao. E' la prima volta che capito da queste parti. Ritornerò a trovarti. Complimenti per il blog.
_______
20 febbraio 2008 21:37  
peev agliato ha commentato:
buongiorno a tutti
quando vogliamo organizzare una bella scampagnata a sanremo per andare a trovare il mittico straker ?
_______
21 febbraio 2008 15:33  
brain_use ha commentato:
Beh, se straker offre focaccia e pesto a tutti, un weekend qualsiasi ci sono!
_______
21 febbraio 2008 19:18  
Hanmar ha commentato:
Lo pesto io, se volete... :D

Ok ok, scherzo! :P

Saluti
Hanmar
_______
22 febbraio 2008 11:58  
carter ha commentato:
CAMMINAVO IN CAMPAGNA SONO PASSATI TRE
GROSSI AEREI E UNO DI LORO HA SPRUZZATO UNA SCIA
BIANCA QUASI SOPRA LA MIA TESTA POI HA SMESSO.

A BASSA QUOTA.

NON ERA UNA MANIFESTAZIONE AEREA.

QUEL GIORNO ERA PIENO DI SCIE CHIMICHE.

SONO DEGLI SPRUZZATORI.
_______
23 ottobre 2008 14:22  
carter ha commentato:
Saranno stati 300-400 metri di quota, quelli
volano senza rispettare nessuna regola.

Erano tre grossi aerei in formazione non
acrobatici, quello in centro ha spruzzato.


Poi, era estate.

Scie di condensazione???

Ma andatevi a nascondere per favore!
_______
23 ottobre 2008 14:32  
axlman ha commentato:
Tre-quattrocento metri di quota?
Cos'erano, aeromodellini?
Hai idea di quanto appare enorme un tanker a quella distanza? Si parla di bestioni lunghi e larghi sui sessanta metri, se non lo sai, cioè l'altezza di un palazzo di venti piani.

Credevo che, nello sparare vaccate galattiche sulle quote (e non solo), il fondo lo avessero toccato i Marcianò Bros parlando di milletrecento metri, ma è proprio vero che non c'è limite al peggio, né all'idiozia umana.

Continua così, carter e vedrai che quest'anno freghi il premio Perlone a Rosario.
_______
10 febbraio 2009 21:52  
Invia un commento

I commenti di critica costruttiva sono ben accetti, quelli di puro insulto e/o contenenti volgarità gratuite finiranno dove meritano, cioè nella spazzatura.
Chiunque avesse delle lamentele oppure suggerimenti riguardo il funzionamento del blog è pregato di segnalarmeli nell'apposito post.