English Translation Norsk Oversettelse Svensk Översättning Suomenkielinen Käännös Português Tradução Traducción en Español Traduction Française Nederlandse Vertaling Deutsch Übersetzung Dansk Oversættelse Český Překlad Slovenské Preklady Polskie Tłumaczenie Lietuvių Vertimas Latviešu Translation Український Переклад Русский Перевод Slovenski Prevod Hrvatski Prijevod Српски Превод Română Traducere Български Превод Ελληνική Μετάφραση תרגום לעברית تترجم إلى العربية हिंदी में अनुवाद 에서 번역 한국어 Dịch tiếng Việt, Terjemahan di Indonesia Isinalin sa Tagalog 翻译成中国 日本語の翻訳
Logo Google
Powered By Blogger Licenza Creative Commons  
Logo Wikipedia

Scienza in pillole


Non potendo in un singolo articolo spiegare compiutamente tutte le basi di chimica e tossicologia, mi limiterò ad illustrare a grandi linee quali siano gli aspetti più importanti da considerare per quanto riguarda la diffusione e l’eventuale pericolosità di elementi e composti chimici in generale, e in particolare di quelli con cui sono maggiormente fissati gli sciachimisti.

Inoltre darò qualche indicazione di base riguardo la lettura e l'interpretazione delle analisi chimiche di varie tipologie di campioni (terriccio, polvere, acqua e aria).

Chiunque ravvisi degli errori o delle mancanze significative, mi avverta nei commenti e provvederò alle eventuali correzioni: grazie anticipate per la collaborazione.

Cominciamo con un paio di considerazioni generali che, seppur lapalissiane, vanno fatte visto che sono punti sui cui gli sciachimisti insistono spesso, dimostrando così la loro proverbiale sagacia.

Venti, polvere e acqua: questi sconosciuti
Gli sciachimisti sembrano pensare che se un aereo rilascia qualcosa a qualche chilometro di altezza, quel qualcosa ricada giù in perfetta verticale, manco fosse un filo a piombo, e in tempi brevissimi. Proprio non riescono a rendersi conto che con i venti e le correnti che esistono sempre e comunque in quota, è semplicemente assurdo anche solo immaginare una cosa del genere: non per niente durante la guerra del Vietnam gli aerei che spargevano defogliante volavano poco sopra la vegetazione, non per niente gli aerei che spruzzano pesticidi sui campi volano praticamente raso terra.

Già questo basterebbe per smontare ogni loro illazione sul fatto che facendo un’analisi al suolo subito dopo una “irrorazione”, come la chiamano loro, quello che si trova possa proviene dagli aerei che li hanno sorvolati poco prima: qualsiasi cosa venga rilevata proviene certamente da fonti molto più vicine al suolo, cioè suolo stesso, nonché eventuali industrie, aziende agricole, inceneritori, discariche, traffico, impianti di riscaldamento, centrali elettriche e così via.

Seconda considerazione (e vi prego di non ridere se la scrivo, so bene che è un’ovvietà ma agli sciachimisti proprio non entra in testa): la polvere ambientale è costituita principalmente da frammenti molto minuti che derivano dall’erosione del terreno, cui si possono aggiungere, a seconda delle zone, dosi più o meno elevate di particolato dovuto all’inquinamento.
Insomma, se putacaso nelle analisi portate dagli sciachimisti si trovassero misure anomale di qualcosa (e chiarisco subito che ciò finora non è mai avvenuto), le cause praticamente certe sarebbero una particolare composizione del terreno della zona in questione e/o il “normale” inquinamento: non certo aerei che spruzzano robaccia a chilometri di quota.

Terza considerazione preliminare (e anche questa mi vergogno a farla tanto è palese, ma purtroppo pare che anch’essa sia troppo ostica per l’intelligenza media degli sciachimisti): terriccio (anche sotto forma di polvere), acqua e aria NON sono la stessa cosa. Quindi è perfettamente inutile (o meglio, è del tutto idiota) prendere i risultati ottenuti da analisi di polvere o di sedimenti o di aria e andarli a confrontare con i limiti ammessi per l’acqua potabile, cosa che invece fanno regolarmente i fissati con le «scie chimiche».
Oddio, da un certo punto di vista si potrebbero anche fare loro i complimenti: evidentemente fanno sempre i confronti con i limiti per l’acqua potabile perché sono gli unici che sono riusciti a trovare in anni e anni di ricerca, che è già un risultato immenso, se confrontato con quello di altre ricerche di materiale che hanno compiuto in ben tre lustri (ancora non sono riusciti a trovare il fantastico, in tutti i sensi, originale della presunta “definizione” FAA delle contrail).

E già che sono in argomento, specifico anche un altro paio di cosette riguardo l’acqua potabile, sempre perché anche queste non sembrano essere molto recepite dai soliti noti:
  • i limiti stabiliti per legge per l’acqua potabile, NON sono limiti tossici: se il limite per un certo elemento o composto è tot, significa che si possono bere litri di acqua al giorno, tutti i giorni, per tutta la vita, che contenga fino a quel limite, senza avere danni, ma non è che se per una volta si beve acqua che contiene poco più di quel tot si cade a terra praticamente stecchiti. Per subire un avvelenamento immediato è necessario superare, appunto, il limite tossico, che è ben superiore (decine di volte) ai limiti stabiliti per l’acqua potabile;
  • non c’è proprio nessuna legge né di natura né tanto meno umana, che obbliga ad esistere, in natura, solo e unicamente acqua potabile, anzi è proprio l’opposto, dato che la stragrande maggioranza dell’acqua esistente al mondo costituisce mari e oceani e non si tratta certo di acqua potabile (sarà frutto di un complotto anche questo?);
  • allo stesso modo, non c’è scritto da nessuna parte che la pioggia debba rispettare i limiti imposti per legge all’acqua potabile, e infatti non si usa certo direttamente la pioggia per rifornire gli acquedotti. La pioggia può benissimo superare quei limiti senza che questo provi il complotto sciachimicoso: al massimo prova che esiste l’inquinamento (mai sentito parlare di piogge acide?), oppure prova che esistono forti venti in quota, visto che la sabbia del Sahara può essere trasportata e far piovere (e nevicare) rosso anche a migliaia di chilometri di distanza.


Elementi e composti chimici

Vediamo qui, a grandi linee, quali siano le caratteristiche, la presenza in natura e l’eventuale pericolosità di elementi e composti chimici in generale e di quelli tanto amati dagli sciachimisti in particolare.

Silicio, alluminio e bario: altri perfetti sconosciuti
Come visto nei Dogmi della Sacra Setta delle Scie Chimiche, secondo gli sciachimisti, nelle loro amate/odiate «scie chimiche» verrebbero sparsi più o meno tutti gli elementi del sistema periodico (e probabilmente anche qualcuno ancora ignoto). Però loro sono particolarmente fissati con alluminio, silicio e bario, sicché ogni tanto ne spunta fuori qualcuno che sbandiera analisi varie riguardo tali elementi, come se il trovarli nell’aria, nell’acqua piovana (e analogamente nella neve), nella polvere oppure nel terreno, costituisse chissà quale stranezza. Naturalmente mi riferisco a quando le mostrano, ’ste benedette analisi, ché la maggior parte delle volte non lo fanno: ad esempio sono anni che i Marcianò Bros parlano e straparlano di fantomatiche analisi fatte nel 2005 dal CNR, ma nessuno che indichi dove trovarle; per non parlare delle mitiche analisi dell’ormai altrettanto mitica agronoma/ricercatrice/professoressa Rosalind Peterson, che in quel di California avrebbe trovato, a suo dire, di tutto e di più, ma ancora una volta delle sue analisi proprio non c’è traccia documentale, neanche pagando (se poi qualcuno finalmente le trovasse sarei molto curioso di vederle, sia quelle CNR, sia quelle della Peterson). A sentire gli sciachimisti, parrebbe che silicio, alluminio e bario, in natura non esistano ma possano solo uscire da qualche misterioso e segretissimo laboratorio gestito da scienziati pazzi e, sempre a sentire loro, sembrerebbe che tali elementi siano pericolosissimi anche in dosi infinitesimali, quasi che parlino di plutonio (se non di kryptonite). La realtà è che essi sono elementi diffusissimi sia in natura che in numerosissime attività umane, come edilizia ed industria:
  • l’argilla, con cui si fabbricano mattoni e laterizi in genere, non è altro che silicato di alluminio idrato (cioè con acqua) e tracce di altri elementi (dipende dal tipo d’argilla);
  • la sabbia più comune è composta in gran parte da silice, cioè diossido di silicio (che forma anche il quarzo, altro materiale tanto caro agli sciachimisti);
  • il cemento, che è usato nelle costruzioni come legante dei mattoni, insieme alla sabbia, a sua volta si ricava da calcare e argilla, ed è costituito da una miscela di silicati e alluminati di calcio;
  • la ceramica, con cui si fabbricano le piastrelle che rivestono pavimenti e pareti degli edifici, è anch’essa composta principalmente da argilla, feldspato (che contiene sempre sia silicio che alluminio), sabbia, quarzo, allumina (cioè ossido di alluminio) e ossido di ferro;
  • il vetro è un cristallo amorfo formato da diossido di silicio (sì, ancora lui) fuso;
  • il bario si trova (naturalmente e non a causa dell’inquinamento) in certi cibi, e molti suoi composti vengono utilizzati nella fabbricazione dei già citati mattoni e piastrelle, nonché (rimanendo nell’ambito dell’edilizia) pitture, vernici e vetro, ma anche in una marea di altre applicazioni industriali quali la produzione di carta, plastiche, gomme, linoleum, lampade a fluorescenza, resine, olii lubrificanti, batterie, fuochi artificiali e persino nel trattamento delle acque (vedere, ad esempio, sul sito della Solvay);
  • l‘alluminio, oltre che contenuto in tutto ciò che ho elencato prima, è diffusissimo per confezionare una moltitudine di oggetti nei più disparati campi (mezzi di trasporto, lattine, pellicole per alimenti, infissi, elettrodomestici, attrezzi da cucina, ecc, ecc, ecc).
In conclusione, tra mattoni, cemento, sabbia, piastrelle, pitture, vernici, vetro, plastiche e quant'altro, noi viviamo in abitazioni costruite (infissi e vetri compresi) principalmente da ossigeno, silicio e alluminio, con l’aggiunta di acqua, calcio e carbonio, nonché una certa quantità di composti di bario, di potassio, di ferro e di sodio. E già che ci sono, ricordo en passant che anche l’ossido di titanio (il titanio è un altro elemento che ogni tanto gli sciachimisti tirano in ballo), oltre a non essere tossico, è anch’esso abbondantemente usato, come pigmento bianco, in cemento, vernici e plastiche. Parliamo quindi di elementi che, al contrario di quanto si potrebbe supporre leggendo gli sciachimisti più incalliti, sono comunissimi nelle nostre case e altrettanto comuni sono in natura, là fuori, all’aperto: non c’è infatti da meravigliarsi che i nostri edifici siano composti principalmente proprio dagli elementi che sono maggiormente presenti nella crosta terrestre, dato che proprio da lì ricaviamo (e abbiamo sempre ricavato) tutti i nostri materiali di costruzione. Mostro, per maggior chiarezza e precisione, una tabella dove sono elencati gli elementi più diffusi, con relativa quantità in cui sono mediamente presenti sulla crosta terrestre, espressa in grammi per tonnellata, cioè parti per milione (che si abbrevia con ppm, per chi non conoscesse la nomenclatura, ne spiegherò in dettaglio il significato nei prossimi paragrafi) (fonte):

ElementoPresenza (ppm)
1  Ossigeno (O)455˙000
2  Silicio (Si)272˙000
3  Alluminio (Al)83˙000
4  Ferro (Fe)62˙000
5  Calcio (Ca)46˙600
6  Magnesio (Mg)27˙640
7  Sodio (Na)22˙700
8  Potassio (K)18˙400
9  Titanio (Ti)6˙320
10  Idrogeno (H)1˙520
11  Fosforo (P)1˙120
12  Manganese (Mn)1˙060
13  Fluoro (F)544
14  Bario (Ba)390
15  Stronzio (Sr)384
16  Zolfo (S)340
17  Carbonio (C)180
18  Zirconio (Zr)162
19  Vanadio (V)136
20  Cloro (Cl)126
ElementoPresenza (ppm)
21  Cromo (Cr)122
22  Nichel (Ni)99
23  Rubidio (Rb)78
24  Zinco (Zn)76
25  Rame (Cu)68
26  Cerio (Ce)66
27  Neodimio (Nd)40
28  Lantanio (La)35
29  Ittrio (Y)31
30  Cobalto (Co)29
31  Scandio (Sc)25
32  Niobio (Nb)20
33  Sodio (N)19
34  Gallio (Ga)19
35  Litio (Li)18
36  Piombo (Pb)13
37  Praseodimio (Pr)9,1
38  Boro (B)9,0
39  Torio (Th)8,1
40  Samario (Sm)7,0

Silicio e alluminio sono presenti in tali quantità, che lo strato esterno della crosta terrestre continentale, detto volgarmente suolo, viene addirittura chiamato SIAL in geologia, nome che deriva dall’unione dei loro simboli chimici: ad essere pignoli, l’ossigeno li batte di gran lunga, però, proprio perché è così mostruosamente abbondante, viene considerato un vero e proprio outsider. Quindi analizzando terreno, o polvere, o acqua piovana o neve (che cadendo raccolgono la polvere sospesa in aria) la vera stranezza inspiegabile sarebbe non trovarne traccia, di silicio e di alluminio: se non fossi cosciente che per essere uno sciachimista DOC bisogna essere completamente ignoranti in ogni ramo della scienza, chimica e geologia comprese, mi verrebbe da pensare che lo facciano apposta a cercare elementi che bisogna per forza trovare. E lo stesso si può dire, anche se in misura minore, del bario: non è certo ai livelli di diffusione di silicio e alluminio, però non se la cava affatto male, essendo al 14º posto su 92 elementi chimici presenti naturalmente sul nostro pianeta e in media, nel terreno, se ne trovano 390 ppm. Se a qualcuno sembrasse poca roba, consideri che c’è in giro molto più bario che carbonio (che è al 17º posto con 180 ppm, meno della metà del bario), cioè l’elemento su cui è basata ogni forma di vita del nostro pianeta (vegetali compresi), nonché l’elemento che costituisce, insieme all’idrogeno, tutti i combustibili fossili (carbone, petrolio e gas naturali). Inoltre va considerato che il bario, essendo usato in parecchi processi industriali, può benissimo far parte del “normale” inquinamento senza tirare in ballo chissà quali Complottoni Totali e Globali per spiegarne la presenza.

Pericolosità
Stabilito, si spera, che trovare questi elementi nelle analisi ambientali non è affatto strano o misterioso, va indagato se, per caso, si tratti di qualcosa di potenzialmente pericoloso o meno. Tale indagine è assai meno semplice di quanto si potrebbe pensare in quanto si fa presto a dire «quella roba lì è dannosa alla salute»: bella scoperta, tutto può essere considerato in qualche modo dannoso, persino troppa acqua ingerita in troppo poco tempo diventa mortale. Ma non conta solo la quantità correlata al tempo di assunzione, contano alche molte altre cose, ad esempio il tipo di somministrazione: se si beve un litro d’acqua tutto di un fiato non si muore, ma se invece di berlo quel litro lo si respira tutto di colpo, si annega. Perciò vediamo meglio cosa c’è da considerare, per quanto riguarda la pericolosità o meno di un elemento. Innanzi tutto va precisato lo specifico composto chimico di cui si parla in quanto anche minime modifiche ne possono alterare drasticamente le caratteristiche fisiche. Tanto per dire, per parecchi elementi chimici esistono le cosiddette forme allotropiche, cioè un dato elemento chimico può formare materiali con caratteristiche fisiche anche enormemente differenti, in sola dipendenza del diverso tipo di legame che gli atomi di tale elemento instaurano tra loro. Il più famoso esempio in tal senso è quello offerto dal carbonio, che può unirsi a formare diamante oppure grafite: entrambi i materiali sono composti unicamente da carbonio praticamente puro ma essi, solo in virtù del diverso legame esistente tra gli atomi, posseggono caratteristiche anche diametralmente opposte tra loro (il diamante è molto trasparente alla luce ed è il più duro materiale conosciuto, mentre la grafite è molto scura ed è usata per fabbricare le mine delle matite proprio per la sua friabilità e scarsa durezza). Detto ciò, immaginate che enormi differenze nelle proprietà si possono ottenere in un materiale cambiandone anche solo uno degli elementi costituenti e/o la sua percentuale. Se è vero che il bario di per sé è velenoso, è anche vero che di bario puro, all’aperto, non se ne può trovare: è troppo reattivo e senza dubbio reagirebbe almeno con l’ossigeno e/o il vapor acqueo atmosferico, legandosi con essi a formare ossidi di bario e/o idrossido di bario. Infatti, nei laboratori, per mantenere il bario puro bisogna tenerlo immerso nel kerosene o altri idrocarburi liquidi, e anche così non si riesce a conservarlo indefinitamente. È inoltre altrettanto vero che non tutti i composti del bario sono sempre e comunque pericolosi per la salute: lo sono i suoi sali idrosolubili, ma ad esempio il solfato di bario non è assimilabile e (parlando di persone con lo stomaco sano e non allergiche) lo si può ingerire (sottolineo ingerire, respirarlo è un’altra cosa) tranquillamente, tanto che viene comunemente usato come mezzo di contrasto in medicina. Similmente l’alluminio viene usato per fabbricare le pentole e le padelle in cui usualmente cuociamo i cibi, nonché per confezionare sia bevande che alimenti (è usato per lattine, fogli di alluminio, attrezzi da cucina, ecc.): quindi di per sé non è pericoloso. Addirittura, uno dei medicinali da banco più usati in assoluto e in tutto il mondo, è il Maalox i cui principi attivi sono magnesio idrossido e alluminio idrossido, come dice il nome (da Ma Al Ox): credo sia anche l’unico medicinale esistente nel cui bugiardino, alla voce CONTROINDICAZIONI si legge «Nessuna». Naturalmente, se assunto in altre forme e/o in concentrazioni abbastanza alte, anche l’alluminio (ripeto, come tutto quello che esiste in natura) potrebbe essere dannoso. Il silicio, poi, è praticamente innocuo: vale per esso il discorso dell’acqua, cioè può provocare dei problemi alla salute ma solo in quantità veramente molto, ma molto, elevate (come, ad esempio, ritrovarsi la bocca piena di sabbia, che non aiuta certo la respirazione). Altro aspetto importante è il tipo di assunzione: un conto è l’ingestione, un conto l’inalazione, un conto l’assorbimento attraverso la pelle, un conto la penetrazione nel flusso sanguigno attraverso delle ferite e così via. Non per niente i limiti di legge per quanto riguarda le sostanze potenzialmente pericolose sono specifici e molto diversi, non solo a seconda del composto considerato ma anche a seconda che si parli di contaminazione di acqua o di cibo (che vengono ingeriti) oppure di aria (che viene inalata) e via discorrendo. Sempre facendo l’esempio del bario, i limiti in acqua potabile e in aria li trovate indicati qui (si parla di limiti validi negli USA, non esiste una normativa valida a livello mondiale, a riguardo): da sottolineare che i limiti sono molto diversi a seconda che ci si riferisca all’acqua piuttosto che all’aria. Notate altresì che tali limiti, fissato il mezzo di cui si parla (acqua o aria), variano a seconda del composto di bario considerato: per l’aria si fa riferimento ai suoi composti solubili in acqua (che sono quelli più pericolosi) e al solfato di bario (che è meno pericoloso dei precedenti, e infatti il limite ad esso riferito è dieci volte maggiore rispetto al limite riferito ai composti solubili in acqua). Come accennato prima, il solfato di bario è innocuo se ingerito, ma respirarlo è diverso. Infine vanno considerate la velocità di assunzione e i tempi di ritenzione da parte dell’organismo. Detta un po’ grossolanamente, uno stesso composto può essere nocivo o meno a seconda di quanto se ne consuma tutto assieme o comunque in tempi relativamente brevi; ma anche in tempi molto lunghi, se esso ha caratteristiche tali da non venir espulso velocemente dal corpo, accumulandosi quindi negli organi. Infatti per certi composti esistono diversi limiti accettabili, uno nel breve periodo e uno nel lungo. Per fare un esempio si può avere per il composto X un limite giornaliero di 10 milligrammi e uno mensile di 100 milligrammi: se per ognuno dei primi dieci giorni se ne assumono 10 milligrammi, non se ne deve più assumere per i successivi venti giorni, per dare il tempo all’organismo di smaltire la quantità accumulata. Insomma, basta guardare il bugiardino di praticamente tutti i medicinali in circolazione per capire il senso del discorso.


Analisi chimiche

Veniamo ora alle analisi chimiche vere e proprie, partendo dal campionamento fino ad arrivare alla loro lettura.

Prelievi
Per effettuare un’analisi, il primo passo è ovviamente raccogliere qualcosa da analizzare, ed è un passo fondamentale per la validità delle analisi stesse: è necessario effettuare nel modo adeguato i prelievi dei campioni, per evitare contaminazioni accidentali e non per nulla esistono figure professionali apposite per effettuare tali prelievi. Invece, le analisi proposte dagli sciachimisti partono praticamente sempre col piede sbagliato, invalidate ancor prima di essere svolte, per il modo sconosciuto oppure dilettantesco e/o sconclusionato in cui viene eseguito il campionamento: la maggioranza delle volte, non c’è verso di sapere né dove né quando sia stato preso il campione (capita anche che in certi casi lo sciachimista di turno non specifichi neppure cosa è stato analizzato), figuriamoci il come, da chi e con quali precauzioni. Le rare volte che si vengono a conoscere le modalità di prelievo, c’è da trattenersi la pancia dalle risate, come nel caso di Bill Nichols che aveva raccolto dell’acqua piovana in barattoli di vetro tenuti sul retro scoperto del suo pick-up per un mese, oppure nel caso di beleave che aveva preso dei sedimenti che si erano accumulati in ben tre anni e mezzo in una fioriera di rame (tra l’altro in una città poco trafficata e industrializzata come Torino). Potete leggere la sua storia su Luogocomune, qui, e già che ci siete non perdetevi Antonio Marcianò (alias Zret) che si atteggia a gran conoscitore della materia ma, quando viene spiegato perché e percome le analisi di Carnicom siano una barzelletta, lui tira dritto e le ripropone come niente fosse successo. I valori trovati da beleave, se qualcuno se lo stesse chiedendo, non sono per nulla strani o preoccupanti, come spiegherò più avanti.

Scelta delle analisi
Presi i campioni, tocca scegliere il tipo di analisi, cioè cosa cercare di preciso. Chiedendo ad un laboratorio di trovare la quantità di elemento X presente, il chimico va a misurare tutto l’elemento X presente, senza specificare i vari composti di cui faceva parte: quindi non si ha idea se si trattasse di composti pericolosi o meno. Se si chiede di misurare il bario, il laboratorio ti risponde sul bario, ma ciò non significa che sia stato trovato bario puro nei campioni, anzi proprio il contrario, dato che, come ho già spiegato, il bario puro semplicemente non può esistere in natura: è stato trovato bario ma che apparteneva a chissà quali composti. Quali erano tali composti? Boh! Erano composti relativamente innocui oppure potenzialmente pericolosi? Ri-boh!! Erano quantità preoccupanti di composti potenzialmente pericolosi? Ari-boh!!! Insomma, se si vogliono analisi serie bisogna farle sui composti anziché sugli elementi, e quindi bisogna chiederle specificamente, cosa che gli sciachimisti si guardano bene dal fare.

Lettura delle analisi
Quando si parla di materie scientifiche, la prima cosa da fare è mettersi bene d’accordo sulle unità di misura che si usano, altrimenti non si capirebbe di che si parla di preciso. Nel caso di analisi chimiche il risultato viene solitamente espresso in peso dell’elemento trovato per ogni chilogrammo (se si parla di analisi di solidi) o per ogni litro (se si parla di analisi di acqua) o per ogni metro cubo (se si parla di analisi di aria) del materiale analizzato. Il peso dell’elemento raramente viene espresso in grammi (g), solitamente si usano i milligrammi (mg, cioè millesimi di grammo) oppure i microgrammi (µg, cioè millesimi di milligrammo, cioè milionesimi di grammo). Spesso nel caso delle misure nei solidi, il risultato ottenuto è indicato come parti per milione (ppm) oppure parti per miliardo (ppb): non c’è da spaventarsi, sono solo delle percentuali espresse, come dice il nome, su una suddivisione del campione per un milione, oppure per un miliardo, invece che su una suddivisione per cento. Quindi, così come nelle percentuali 100 % indica la totalità, in tali casi la totalità sarà indicata rispettivamente come 1˙000˙000 ppm e come 1˙000˙000˙000 ppb. Nella tabella che ho mostrato, scrivere che l’ossigeno compone la crosta terreste per 455˙000 ppm, significa che il 45,5 % della crosta terreste è formata da ossigeno: attenzione, che sto parlando di crosta terrestre, cioè le acque di oceani, mari, laghi, fiumi, paludi, pozzanghere e quant’altro, nonché l’ossigeno dell’atmosfera e del vapor acqueo in essa contenuto, nubi comprese, sono esclusi dal conto (capite meglio, ora, perché ho parlato di vero e proprio outsider nel caso dell’ossigeno?). Analogamente il silicio contribuisce a formare la crosta terrestre per il 27,2 %, e l’alluminio per l’8,3 %, mica bruscolini. Avremo quindi che sia 1 mg/kg sia 1 g/ton, equivalgono ad 1 ppm (infatti un millesimo di grammo diviso mille grammi ci dà un milionesimo, così come un grammo diviso un milione di grammi), mentre 1 µg/kg equivale a 1 ppb (un milionesimo di grammo diviso mille grammi infatti dà un miliardesimo): naturalmente 1 ppm equivale a 1˙000 ppb e viceversa 1 ppb equivale a 0,001 ppm. Proprio volendo, anche nel caso delle misure in acqua e in aria si può esprimere il risultato in ppm o ppb:
  • nel caso dell’acqua, un litro pesa un chilogrammo, quindi 1 mg/L equivale a dire 1 ppm, mentre 1 µg/L equivale a 1 ppb
  • nel caso dell’aria è più complicato perché non ovunque l’aria ha la stessa composizione, specie per quanto riguarda la presenza di vapor acqueo in essa, ed inoltre, essendo una miscela di gas e vapori, la sua densità dipende fortemente dalla temperatura;
    parlando di aria secca a temperatura ambiente (20° C), un metro cubo pesa 1,205 chilogrammi e quindi 1 mg/m3 corrisponde a 0,83 ppm e 1 µg/m3 corrisponde a 0,83 ppb
Nella lettura di un’analisi è fondamentale fare attenzione alle unità utilizzate, perché anche se quelle che ho indicato sono le più diffuse, può capitare ne vengano usate altre (ad esempio mg/100g che equivale a 10 ppm), ma anche perché spesso nello stesso referto d’analisi non si usa sempre la stessa unità di misura (la quantità di un elemento viene espresso in una data unità, quella di un altro in una diversa): per non creare confusione io parlerò sempre di ppm, in modo da poter facilmente confrontare i dati numerici. Altra cosa da tenere presente: chiedendo dell’elemento X, il laboratorio lo elenca nelle analisi anche se praticamente non ne viene trovato. Il praticamente deriva dal fatto che tutti gli strumenti di analisi hanno dei ben precisi limiti, sicché non riescono a misurare quantità più piccole di un tot (tot che sarà diverso, in genere, da elemento a elemento e da composto a composto). Quando nelle analisi si trova scritto:
elemento X  <  tot
significa che la quantità di quel dato elemento, sempre che esso sia presente, è minore del limite di misurazione suddetto. Detto in parole povere, il laboratorio con quella scritta intende «Per l’elemento X, quantità più piccole di questo tot non è possibile misurarle e nelle nostre misure di quell’elemento non ne abbiamo trovato: quindi o X non c’è proprio, oppure ce n’è così poco da non essere misurabile e comunque, a tutti gli effetti pratici, è come se non ci fosse». Per finire, se si fanno analizzare polvere, sedimenti o filtri, le quantità trovate vanno confrontate con la tabella sulla quantità media di presenza degli elementi nella crosta terrestre che ho riportato prima, perché sempre di polvere raccolta si tratta. Se e quando se ne trovassero quantità decisamente superiori a quelle indicate (e con decisamente si intende almeno il doppio), non è comunque ancora il caso di strapparsi le vesti dalla disperazione: visto che quelli sono valori medi, bisogna andare a verificare quali siano i valori precisi di riferimento della zona in cui è stato fatto il prelievo, che possono essere anche di molto maggiori di quelli medi. Se ancora il risultato non torna, allora si devono andare a controllare le attività inquinanti presenti in zona: gli scarichi di aerei che volano a chilometri di quota sono proprio l’ultimissima delle fonti da prendere in considerazione. Vista la preoccupante mancanza del seppur minimo buon senso da parte degli sciachimisti, a loro beneficio preciso ulteriormente l’ultimo punto. Se si prende un sedimento accumulatosi nel tempo di sostanze portate dalla pioggia, i contenuti di quel sedimento vanno confrontati con la famosa tabella valida per la crosta terrestre, perché è di quello che si tratta: polvere fatta precipitare dalla pioggia. Se si desidera sapere la concentrazione di un elemento nella pioggia, bisogna saper indicare quanti litri di pioggia hanno portato quei sedimenti e fare il rapporto tra quantità totale dell’elemento (NON percentuale, quindi il peso vero e proprio e NON i ppm o i ppb) e quantità totale dell’acqua che lo conteneva: solo a questo punto si può fare il raffronto coi limiti per l’acqua potabile, che infatti sono usualmente espressi in mg/L (o µg/L), anche se è del tutto inutile farlo, dato che, come spiegato, non si capisce perché la pioggia dovrebbe rispettare quei limiti, ma tant’è... Nel caso torinese accennato prima, quindi, beleave avrebbe dovuto misurare quanti litri di pioggia erano caduti nella sua fioriera in tre anni e mezzo per sapere il vero contenuto della pioggia, e solo dopo fare il raffronto con i limiti per l’acqua: avendo invece a disposizione solo l’analisi dei sedimenti, l’unica cosa che poteva e doveva fare era confrontare i risultati con il contenuto degli elementi nella crosta terrestre. Tale confronto ci dice che i contenuti di quei sedimenti sono pienamente compatibili con quelli che ci si aspetta di trovare in media:
  • ALLUMINIO trovati 24˙600 ppm da confrontare con gli 83˙000 mediamente attesi
  • BARIO trovati 475 ppm da confrontare con i 390 mediamente attesi
Allo stesso modo, quando si mostrano delle analisi, si deve specificare se le quantità misurate sono riferite al sedimento oppure alla totalità del campione di pioggia, visto che quello che fanno i laboratori per analizzare l’acqua, è appunto far evaporare l’acqua stessa dal campione per poi analizzare i sedimenti rimasti. Analogamente, se si vuole analizzare l’aria si raccoglie polvere per un certo periodo tramite appositi filtri applicati a degli aspiratori: se si analizza il contenuto dei filtri, ancora una volta il paragone va fatto con la solita tabella riferita al terreno perché si sta parlando di polvere, mentre se si vuole dare la misurazione del contenuto per l’aria si deve fare esattamente come per l’acqua, cioè dividere la quantità totale trovata di un elemento per i metri cubi dell’aria aspirata che la conteneva. Solo dopo si può fare il raffronto con i limiti imposti per legge per l’aria (che infatti sono usualmente espressi in mg/m3) e nei posti di lavoro a rischio (e non in ogni punto dell’atmosfera terrestre): se proprio si vuole perdere un po’ di tempo, ovvio, ché anche in questo caso un tale confronto non significa niente di preciso, esattamente come non significava niente di preciso nel caso dell’acqua. Adesso che ho reso disponibile almeno un’infarinatura della faccenda, giusto per farne capire le linee essenziali a chi non mastica la materia, nonché esplicitato la lista di errori che di solito commettono gli sciachimisti, non resta che fare qualche esempio pratico di sciemica, cioè la chimica sciemoizzata secondo i dettami degli ineffabili Marcianò Bros e loro adoranti seguaci.


Commenti:
Fioba ha commentato:
Primo!!!
Appena ho un po di tempo mi riallaccerò al tuo Post. Avevo intenzione di scriverne uno sul campionamento e sulle analisi chimiche e credo proprio che partirò dal tuo.

Ciao

Massimo
_______
21 aprile 2009 22:46  
Mousse ha commentato:
Una cosa: hai scritto "caratteriste" al posto di "caratteristiche".

Aggiungo che lo Zinco, o meglio l'Ossido di Zinco è la classica pomata che si mette per evitare gli eritemi da pannolino ai lattanti. E va anche benissimo per non scottarsi il naso quando si scia.
_______
21 aprile 2009 23:08  
axlman ha commentato:
Corretto, grazie.
Sto anche aggiungendo qualche link, ché non riesco mai a scrivere tutto un post completo senza fare un qualche completamento a posteriori.
_______
21 aprile 2009 23:15  
underek_ ha commentato:
Ill.ma Eminenza Grigia,
è sempre un piacere leggere i suoi post. :)

underek_
_______
22 aprile 2009 01:04  
Nico ha commentato:
Chapeau..
_______
22 aprile 2009 01:06  
gg ha commentato:
Probabilmente i sciachimisti sono a digiuno di fisica.
Vadano a leggersi la legge e il teorema di Stokes.
_______
22 aprile 2009 01:11  
ilpeyote ha commentato:
finalmente un post!
piu' tardi lo leggo.. ora vado un po di fretta!
_______
22 aprile 2009 07:43  
Riccardo ha commentato:
Eccellente silloge, direbbe Zret. Il quale però al momento non può leggerla, essendo impegnato in altra attività:

Purtroppo, nonostante numerose ricerche, non sono riuscito a trovare una definizione chiara ed esauriente di "energia scalare". Suppongo che si tratti dell'energia già usata da Tesla, un'energia oggi impiegata solo per scopi malefici.
Per sua fortuna, gli viene in soccorso un certo Marco, che spiega (i grassetti sono miei):
Da quello che ho capito l'energia scalare è un'onda elettromagnetica che perde la sua caratteristica vettoriale (non si propaga come un'onda in tutte le direzioni ma solo parallelamente alla sorgente).

Le proprietà più significative sono la sua velocità (1,5 volte quella della luce), il fatto che l'energia misurata al bersaglio appare maggiore di quella alla sorgente, e che non viene attenuata in alcun modo da ostacoli e schermi (passa anche il test della gabbia di Faraday).
Negli esperimenti eseguiti con generatori di energia scalare sembrerebbe che un orologio posto nelle vicinanze della sorgente "rallenti".

E' relativamente facile costruire un generatore del genere, trattandosi di una bacchetta di ferrite con 2 avvolgimenti di fili a "spirale" che si intersecano tra loro con angoli di 90 gradi e sulla quale i nodi creati dall'intersecarsi dei due avvolgimenti giacciano sulla stessa retta parallela all'asse della bacchetta.

Più facile a farsi che a dirsi.
Poi si lamentano se gli diamo degli imbecilli.
_______
22 aprile 2009 07:54  
Nico ha commentato:
Oh mammina cara... Riccardo dammi il link di questo commento geniale.. questo va davvero divulgato!!!!!

Siamo arrivati alla fisica di Dragonball!!!!
_______
22 aprile 2009 08:00  
Riccardo ha commentato:
@nico
Eccoti servito: http://www.tankerenemy.com/2009/04/una-possibile-relazione-tra-spostamento.html#c6758545142679770708
e
http://www.tankerenemy.com/2009/04/una-possibile-relazione-tra-spostamento.html#c6909465856201271379
_______
22 aprile 2009 08:46  
Riccardo ha commentato:
E a proposito della fisica di Dragonball, sto leggendo un divertente libro, "La fisica dei supereroi", di un professore dell'Università del Minnesota, tale James Kakalios, citato tempo fa anche nel blog di Paolo, che mostra come i disegnatori di quei fumetti siano in genere attenti alle questioni della fisica e della chimica, e come quindi il comportamento dei loro personaggi sia tutto sommato coerente con le leggi immutabli dell'Universo, a parte, ovviamente, il fatto soprannaturale che dà origine ai loro superpoteri.
In altre parole, sono molto più credibili scientificamente Superman e l'Uomo Ragno che non le imbecillate di Straker & Co.
_______
22 aprile 2009 08:55  
Gianni Comoretto ha commentato:
Sulle analisi del CNR si trovano nel dossier di Penna
.http://scienzamarcia.altervista.org/dossier3.html

Le foto dei risultati sono qui:
http://scienzamarcia.altervista.org/cnr1.jpg
http://scienzamarcia.altervista.org/cnr2.jpg

Riassumendo, trovano che nel residuo secco e' presente sabbia, gesso, calcite, fluorite, e altre rocce. E forse tracce di bario (quindi si tratta di polvere particolarmente POVERA di bario).

Le altre analisi di campioni di acqua e terreno sono analoghe. Si trova che la terra contiene sabbia ed argilla, e che i campioni sono relativamente poveri di bario, rispetto ad i valori medi per il terreno.

Sull'elettromagnetismo scalare. Ci vorrebbero diversi post, per raccontare tutto quello che si dice sull'argomento. Incluso che lo shuttle Columbia sia stato abbattuto dal KGB usando armi ad energia scalare.
Naturalmente i cattivi comunisti han fatto solo finta di perdere l'URSS, il KGB e' sempre vivo e vegeto.
_______
22 aprile 2009 08:55  
eSSSe ha commentato:
Bella spiegazione Axlman.
Mi sembra facilmente comprensibile da chiunque sia in buona fede.

Ciao
eSSSe
_______
22 aprile 2009 09:38  
BigRedCat ha commentato:
Post monumentale. Complimenti davvero!

ps. Ti ho scritto...
_______
22 aprile 2009 10:49  
Hedges ha commentato:
Bellissimo post, complimenti, chiaro e strutturato allo stesso tempo.
Permettimi di linkarlo sul mio blog, vorrei che avesse tutta la visibilità possibile per quanto è ben fatto.
Chi si avvicina alla diatriba contrails/chemtrails deve poter leggere queste spiegazioni, servono anche mettere in diretta comparazione il grado di serietà tra l'una e l'altra teoria (se di teoria si può parlare sulle chemtrails).
_______
22 aprile 2009 14:50  
axlman ha commentato:
Innanzi tutto grazie a tutti per i complimenti e naturalmente chiunque volesse riusare questo mio post è libero di farlo: magari aspettate a riprodurlo fino a domani, che così gli dò l'ultima limita.

Ad esempio, vorrei capirci qualcosa di più su ’ste cosiddette “analisi del CNR” che mi ha indicato Gianni.
Come ha già detto Gianni, il loro contenuto è risibile, cioè normalissimo e volgarissimo terriccio, ma quello che mi interessa a questo punto è capire cosa diavolo intendono i Marcianò Bros e Corrado Penna per “analisi del CNR”.

Luuuuuuuuuungi da me il pensiero che il succitato trio Loscano possa cercare di far passare una cosa per un’altra, ma se uno legge di «analisi del CNR», si aspetta di trovare un articolo, un report, delle considerazioni, delle conclusioni rilasciate ufficialmente dal CNR.

Insomma, ci si aspetterebbe un qualcosa di significativo, e una presa di posizione precisa del CNR a riguardo di un qualcosa di ben definito. Invece tutto quello che hanno quei tre giullari, sono due immaginette in croce di analisi di chissà che campione, preso chissà dove, chissà quando, da chissà chi e chissà per quale motivo, e poi semplicemente fatto analizzare al CNR? Senza null’altro, neanche due righe di commento scritte a nome del CNR, niente? Sarebbero queste le tanto sbandierate “analisi del CNR”?

Allora: se qualcuno riesce a capire in che senso sarebbero “analisi del CNR”, su cosa sono state fatte, da chi sono state commissionate e perché, ma soprattutto cosa dovrebbero dimostrare secondo il CNR (e non certo secondo quei tre cialtroni), bene, mi informi che relaziono in merito. Altrimenti siamo di fronte all’ennesima buffonata di una manica di ciarlatani.
_______
22 aprile 2009 16:44  
axlman ha commentato:
Dimenticavo: sono contento se votate questo post da me, ma chi lo ha veramente apprezzato e volesse davvero dargli visibilità nel web, sarebbe più utile se lo votasse anche su OKNOtizie e gli altri servizi di editoria sociale, ché ho messo i pulsantini apposta (e mi è anche costata una certa applicazione, per scriverne il codice).

Poi, naturalmente, ognuno è libero di fare ciò che preferisce e vi ringrazio comunque per l’appoggio, gli apprezzamenti e i consigli che mi date.
_______
22 aprile 2009 16:55  
AcarSterminator ha commentato:
Finalemnte l'ho letto anche io.
Precisissimo come sempre. Axlman un nick una garanzia :)

Adesso agli "attivisti" non resta che chiedere a un laboratorio i metodi e strumenti per poter effettuare un prelievo in quota usando un aereo da turismo, e la facciamo finita.
Vabbè, pretendo troppo.
_______
26 aprile 2009 18:38  
Ropuros ha commentato:
Grazie professore,

Tutto claro.

Mi spieghi questo please?

http://img520.imageshack.us/img520/1742/ftorgonite.jpg

Grazie
_______
15 maggio 2009 11:05  
BigRedCat ha commentato:
Certi giornali che ho letto dal parrucchiere da bambino avevano maggiore rigore scientifico di quel pezzo di carta che Ropuros ha gentilmente scansionato.
Che ti devo dire amico Ropuros, il problema della fame del mondo è definitivamente risolto, non servono più sementi transgeniche, voi ci siete arrivati prima. Sfruttate questo vantaggio, impiantate coltivazioni intensive orgoniche e godetevi i miliardi!
Che invidia.
_______
15 maggio 2009 11:49  
axlman ha commentato:
Ropuros ha scritto:
Mi spieghi questo please?

Volentieri.

La saggezza popolare ci insegna che la madre dei cretini è sempre incinta.

Altre definizioni, questa volta molto più scientifiche, sono quella di Einstein («Solo due cose sono infinite, l'universo e la stupidità umana, ma non sono sicuro della prima») e l'assioma di Cole («La somma dell'intelligenza sulla Terra è costante, la popolazione è in aumento»).

Ora, sappiamo da ricerche effettuate che «il cretino non sa di esserlo», cioè pensa di essere molto più furbo, sveglio e intelligente degli altri.
Da qui due conseguenze molto importanti:
— la convinzione dei cretini di essere già il meglio possibile, che impedisce loro di migliorare, e li condanna a rimanere cretini a vita;
— la boccalonaggine dei cretini, cui basta far intendere che una certa cosa è un segreto e/o una genialata che solo i più svegli sanno riconoscere come tale, per far loro bere qualsiasi boiata.

Per finire intervengono le leggi di mercato, per cui se c'è abbondanza di potenziali acquirenti di qualcosa (boiate comprese) ci sarà sempre qualcuno che quel qualcosa la vende.

Da tutto ciò ecco spiegato il fiorire di soggetti ben poco raccomandabili ansiosi di far soldi sulla pelle della massa di cretini che ci sono in circolazione.
Si va da prestigiatori di terz'ordine che si spacciano per santoni dai poteri paranormali, a venditori di olio di serpente che vendono panacee tanto miracolose a parole quanto inutili (se non dannose) nei fatti;
da ciarlatani che fanno i tarocchi (in tutti i sensi) e tolgono il malocchio, a pseudo-inventori che spacciano per prodotti eccezionali degli accrocchi che somigliano più a talismani che ad altro.

Infine, e questo spiega la pagina che hai mostrato, ci sono contafrottole che spacciano per vere le suddette vaccate e molte altre, e lucrano vendendo carta straccia imbrattata spacciata per riviste scientifiche o scadenti filmetti di fanta-boiate spacciati per documentari.


Ropuros ha scritto:
Grazie

Prego, non c'è di che.
_______
25 maggio 2009 19:06  
DyVe ha commentato:
La prova più schiacciante della malafede di Marcianò non è la "i" dimenticata nel copiaincolla ma questa affermazione che nella frase originale proprio non esiste! Ed indovinate un pò..ricorda qualcosa riguardo le scie chimiche...

"intense irrorazioni aeree"

Che spasso...
_______
17 maggio 2010 12:11  
luce ha commentato:
Post interessante e davvero ben fatto su un argomento, la
chimica, non proprio semplicissimo da illustrare!
_______
25 luglio 2010 16:42  
Faber ha commentato:
Il bugiardino del Maalox è cambiato: adesso indica alcune controindicazioni:

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Controindicato in pazienti affetti da porfiria.

Gravi insufficienze renali (vedere par. 4.4).

Generalmente controindicato in età pediatrica.

Stato di cachessia.
_______
22 maggio 2011 17:07  
GiP ha commentato:
Complimenti da un povero perito chimico che si è occupato di igiene industriale! Sono cinque o sei ore che girello tra siti di bufale e antibufale e non so se ridere o piangere. Sono così capitato sulla "documentazione" degli allegri fratelli, ovvero sul brevetto che parla di "biological ice nucleating agent". Non me ne intendo molto e so poco anche l'inglese, ma a me pare un nuovo tipo di analisi immunologica basato su un metodo criogenico (non il primo peraltro, sulla base dei precedenti lavori riportati), non certo un sistema per inseminare le nubi con l'Escherichia coli. Ci vorresti dare un'occhiata se non lo conosci già?
http://www.scribd.com/doc/56996525/e-Coli-Nucleating-Agent-Patent
Grazie.
_______
28 giugno 2011 18:03  
peppuccio ha commentato:
Da quali fonti chimico/scientifiche il Fioba a tratto l'assoluta,a suo dire,non pericolosità dell'alluminio e dei,sempre a suo dire,"perfetti sconosciuti" metalli pesanti????
_______
31 marzo 2016 07:20  
peppuccio ha commentato:
PRIMA PARTE.
a dire l'esatto contrario sulla assoluta pericolosità dei metalli pesanti e semimetalli,per l'uomo e l'ambiente,Dottor Maurizio Proietti, Responsabile dell’area prevenzione della scuola abruzzese di formazione medicina generale. Presidente dell’Associazione Italiana per lo Studio degli Elementi Tossici
Presidente del comitato tecnico scientifico dell'accademia di micronutrizione Linus Pauling.

Presidente dell’Associazione Italiana per lo Studio degli Elementi Tossici A.I.S.E.T.
Responsabile della Sezione di Patologia e Oncogenesi Ambientale presso l'Istituto Universitario Nicolaus di Bari
Ricercatore dell’International Society of Doctors for the Environment (ISDE)
Responsabile del settore prevenzione della scuola di formazione di medicina generale (SAMG)che attente ed approfondite analisi e studi,per comprendere il danno provocato all’organismo dai metalli pesanti dovremmo avere una visione d’insieme di questi elementi ( arsenico, cadmio, cromo, alluminio, piombo e mercurio) e di come interferiscono sui pathways biochimici,accertando La tossicità dei metalli e dei loro composti,delle loro proprietà fisico-chimiche, importante è la loro proprietà lipofila, la concentrazione nei tessuti ed i tempi di esposizione; il mix più pericoloso è la prolungata esposizione anche a dosi minime. L’induzione di stress ossidativo, l'inefficienza dei sistemi di detossificazione, il blocco dei meccanismi di riparazione del DNA e cosa più importante la variazione (modulazione) EPIGENETICA dell’espressione genica, sono i meccanismi che determinano il danno.
_______
31 marzo 2016 07:31  
peppuccio ha commentato:
PARTE SECONDA.
Stessa identica cosa lo dice l'EPA, (l'agenzia nazionale per la protezione ambientale) che ha posto una tabella rigorosa ed inderogabile sulle percentuali per metro cubo nelle acque potabili dei metalli pesanti tra questi appunto l'alluminio con 50 mg per m3,se la percentuale,dopo analisi,risultasse,anche di poco, più alta quelle acque verrebbero dichiarate non potabili,causa della nota pericolosità delle particelle di alluminio per l'essere umano,è stato dimostrato che e’ in grado di influenzare il CNS (sistema nervoso centrale) ad ogni livello, compresa l’ alterazione dell’ espressione genica,oltre che portatrici di gravi patologie anche mortali tra cui l'autismo,il tutto confermato anche dall'istituto superiore della sanità e non solo,anche il Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze del Mare, per mezzo della Biologa Dottoressa Paola Lisi,Dipartimento Analisi di metalli pesanti in matrici biotiche e abiotiche,ecotossicologhe finalizzate allo studio degli effetti tossici su organismi planctonici,riscontrando gravi problemi agli stessi causa l'elevata percentuale di metalli pesanti in prevalenza alluminio. Stessa cosa confermata da inconfutabili studi ed analisi del Biologo Paolo Pansera,L'alluminio è un elemento bio-conduttivo a carica positiva, 64 volte più positivo rispetto ai prodotti sanguigni colloidali che sono negativi (ossia qualsiasi cosa sospesa nel sangue.),con le proprietà di un coagulante. Si basa letteralmente in tutti gli altri metalli e tossine nel suo percorso. Quando esso entra nel tessuto muscolare profondo o sosottocutaneo, questa neurotossina viene ridistribuita attraverso il flusso sanguigno (composto da 80-90% di acqua) per le aree di tessuto adiposo (tessuto altamente Elettrodinamico a carica negativa) in tutto il corpo, si accumula nel tempo in questi centri delicati; principalmente nel cervello, midollo spinale, guaina mielinica, le meningi, le cellule cardiache, i seni e le ovaie (nelle donne), prostata (negli uomini), reni, fegato e intestino,causando le gravi patologie quali alzheimer, parkinson,autismo,svariati tipi di cancro,mutazioni genetiche ecc eccIl tutto supportato da ulteriori studi e ricerche,mai smentite di organismi e ricercatori internazionaliPrima di dire "bufale" credo ci si debba informare più profondamente e scientificamente prima di scrivere cose inesattissime su un argomento cosi delicato che riguarda la salute di tutti noi.
_______
31 marzo 2016 07:34  
peppuccio ha commentato:
Questo commento è stato tolto dal proprio autore.
_______
31 marzo 2016 08:03  
peppuccio ha commentato:
riguardo le famosissime Chemtrail o scie chimiche o bufale,come definite su questo blog,ho letto un mucchio di parole,parole,parole. Dall'altra parte invece ci sono studi,analisi e dichiarazioni,di autorevoli ricercatori ed organismi tra cui l'EPA, che nel 1999 EPA Subsonic Jet Fuel
Report,ha riscontrato un'anomala concentrazione di metalli pericolosi nelle cosidette scie di condensa,non compatibili con il sistema di alimentazione degli stessi aviogetti,ma uno dei primi o forse il primo,ad affermare,con preoccupazione,in una sua intervista che quelle scie erano e sono assolutamente anomale, fu il Colonnello Mario Giuliacci,per 3 motivi tecnici ed indispensabili per la loro formazione. Primo:l'aereo dev'essere ad una quota non inferiore ai 10 mila metri, SECONDO:Una temperatura non inferiore ai meno 40 gradi, TERZO: Umidità non inferiore al 70 % mentre quelle scie vengono rilasciate senza il rispetto di neanche uno di questi indispensabili parametri tecnici per far si che siano reali scie di condensa!!Se tali fossero si dovrebbero dissipare in pochi secondi,afferma il Colonnello Giuliacci,mentre quelle invece rimangono perennemente,cambiando il colore del cielo e la densità delle nuvole e quindi andavano immediatamente fatti studi ed analisi a questa anomalia.
_______
31 marzo 2016 08:49  
peppuccio ha commentato:
Ed ancora:a supporto di questa che chiamate "bufala" salta fuori il sud america pochissimi anni fa, seguito dalla Slovenia,che dopo studi ed analisi delle strane scie,il Presidente del Perù ha dichiarato in una conferenza stampa internazionale,che il prossimo aereo che rilascierà scie anomale sul territorio del Perù verrà abbattuto senza esitazioni!!
_______
31 marzo 2016 09:05  
peppuccio ha commentato:
TERZA PARTE.
Negli ultimi anni, con il termine metalli pesanti si è voluto determinare un gruppo di metalli e semimetalli, o metalloidi associati a tossicità, anche se ci sono da più parti indicazioni a una nuova classificazione come indicato dall’International Union of Pure and Applied Chemistry.
Negli ultimi periodi sono stati introdotti nell'ecosistema diversi metalli di origine antropica che hanno aggravato l’inquinamento ambientale, un esempio tra i più importanti è l'incenerimento dei rifiuti; in questo caso i metalli pesanti che creano più preoccupazione sono: cadmio, cobalto, arsenico, cromo, mercurio, manganese, rame, tallio, nichel, piombo e alluminio. Il semimetallo degno di maggior attenzione per la tossicità e cancerogenicità è l’arsenico associato all'alluminio e titanio, (spesso trovati nei capelli dei bambini con – Autism Spectrum Disorder).L’immissione in ambiente di molecole ad azione mimetica, metalli pesanti ed altri inquinanti che possono creare problemi allo sviluppo neuro-endocrino dell’embrione, del feto e del bambino è cosa nota e confermata da una moltitudine di studi scientifici.Uno studio importantissimo della Harvard School of Pubblic Health riguardante la tematica della "pandemia silenziosa", cioè dei danni neuro-psichici che sono in continua crescita e interessano almeno il 10% dei bambini del cosiddetto mondo civilizzato.
I metalli pesanti hanno la capacità di penetrare in tutti i tessuti, nelle cellule e in tutti gli organelli cellulari, compreso il nucleo dell’adulto e del feto, alterando l’assetto epigenetico e l’espressione genica delle diverse fasi dello sviluppo, oltre ad interferire con i sistemi enzimatici.
_______
31 marzo 2016 09:59  
peppuccio ha commentato:
Ma di recente(giugno 2014) anche la Francia ha spalancato gli occhi sul fenomeno "scie chimiche". Nell'arco di 1 anno,una città francese,su ordine del suo Sindaco,in seguito all'assiduo passaggio di aerei non meglio identificati i quali rilasciavano queste famose scie,vengono effettuate le anilisi delle acque piovane nella stessa area con allarmante esito dell'aumento dell' 800% allumino e del 100 % di Bario,Stronzio e Titanio. Il primo cittadino francese si impegnò formalmente ad informare gli organismi nazionali preposti al controllo,monitoraggio e alla soluzione dei problemi riguardanti la salute pubblica ed ambientale,in merito a questo fenomeno di scie non certo di condensa. qui la lettera originale del detto Sindaco http://www.acseipica.fr/wp-content/uploads/2014/07/L.Bernard_maireMiserey-20juin14.pdf
_______
31 marzo 2016 10:20  
Invia un commento

I commenti di critica costruttiva sono ben accetti, quelli di puro insulto e/o contenenti volgarità gratuite finiranno dove meritano, cioè nella spazzatura.
Chiunque avesse delle lamentele oppure suggerimenti riguardo il funzionamento del blog è pregato di segnalarmeli nell'apposito post.